Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Dritto al punto

Dico subito che l’esortazione (?) di Franz sarà esaudita solo molto parzialmente. In questi giorni purtroppo siamo in piena emergenza nella nostra redazione per cui dobbiamo lavorare di più, in più ci sono tantissimi eventi da seguire, ragion per cui ogni turno TG è una specie di tortura stressante, in quanto ci sono tante cose che si verificano proprio minuti prima della chiusura della redazione del TG, e inoltre come ogni volta che c’è una grande manifestazione cestistica scrivo regolari commenti anche per il Primorski Dnevnik, il quotidiano della minoranza slovena in Italia.

Oggi comunque, complice anche una bufera che mi ha dissuaso dall’andare a Capodistria preferendo rimanere a casa (perdendo ore di lavoro che dovrò comunque recuperare pena il taglio dello stipendio – solo una stupidissima burocrazia ereditata dal regime socialista può pensare che il lavoro del giornalista sia quello di essere il più possibile seduto dietro la scrivania senza considerare affatto l’unica cosa importante del suo lavoro, e cioè di quanto programma produce e di che qualità e che dove lo produce è totalmente irrilevante) non avendo, appunto, incombenze nel produrre programma (detto in breve, non sono in turno), posso anche scrivere qualcosa come primo impatto con gli Europei.

OltrePassiAmo

Un po’ di miscellanea meno impegnata anche per partecipare all’interessante dibattito che si è sviluppato fra di voi. Capitolo atletica. È uno sport, intanto, che ho sempre guardato con passione da quando ero piccolo, perché quando la prestazione atletica è fine a se stessa è uno dei più nobili tentativi umani di arrivare al proprio limite attraverso un percorso che presuppone la ricerca più profonda possibile delle proprie risorse sia fisiche che mentali, per cui risponde a una delle più ancestrali pulsioni dell’essere umano che, proprio perché ha coscienza di se stesso, è un essere che attraverso il gioco e lo sport sublima le difficoltà che la vita gli pone davanti in campi ben più importanti insegnandogli come affrontarle. 

Il tempo del Re

Oggi mio fratello mi ha dato una bellissima notizia. Grazie all'apparecchiatura di un vicino di casa amante del modernariato (fra l’altro è il figlio del mio professore di Analisi 2 nonché nipote del famoso giornalista Demetrio Volcich) è riuscito a ripristinare il suono dei miei antichissimi nastrini che registravo da giovane sul mio Geloso. Ora proverà a inventariare tutto il materiale, che è tanto, e a trasportarlo su qualche supporto più moderno. Fra questo materiale, a parte registrazioni importanti dal punto di vista privato con le voci di cari che da tanto tempo non ci sono più, ma mi mancano ancora come se fossero scomparsi ieri, c’è anche un nastrino per me preziosissimo etichettato semplicemente come “6-3-1971, hockey Jugoslavia-Austria” sul quale dovrebbe esserci la mia primissima telecronaca che proprio mio fratello ebbe l’accortezza di registrare dal televisore appoggiando il microfono del Gelosino all’altoparlante. Se riuscirà a trovarlo e a ripristinarne il suono penso che sarà interessante per molti ascoltare come iniziò praticamente lo sport su Telecapodistria e dunque lo posterò.

Sottrarsi alla pugna

Stavolta voglio raccontarvi un aneddoto. Quanto sia pertinente agli ultimi fatti sta a voi decidere. Tempo fa, durante i playoff sloveni, la telecamera ha inquadrato in tribuna un bel quadretto familiare. A vedere la partita c’era infatti Peter Vilfan, forse il miglior giocatore sloveno di sempre, almeno finora (l’immenso Daneu a parte, ma lui era di un’altra epoca), che chiacchierava con il genero Vlatko Ilievski (il play macedone, arrivato a Lubiana poco più che ventenne, vi si è poi stabilito permanentemente, ovviamente anche e soprattutto per affari di cuore) e con il nipotino di una decina di anni. A proposito sembra che la figlia di qualche anno più grande sia una specie di Dončić in gonnella. E allora mi sono ricordato di quando Vilfan giocava e di un aneddoto che ha raccontato nella sua autobiografia e che ora riporto. Avvertenza: metto il virgolettato per semplicità, ma la mia assolutamente non è una traduzione di quanto scritto nel libro, ma un sunto a memoria. E dunque se c’è qualche errore mi scuso in anticipo con Vilfan e con tutti i suoi lettori.

Orrore al merito

Oggi comincerò parlando di pallavolo. Prima che sveniate (o vi svenate) dico subito che siamo perfettamente nel solco del discorso sui diritti sportivi a cui abbiamo un po’ tutti accennato nel post precedente. E inoltre su quest’argomento, che è per me di importanza storica, non ho letto neanche una riga sulla Gazzetta o, se l’argomento è stato trattato, lo è stato in modo del tutto marginale.

Allora: come sapete nella pallavolo c’è (c’era, ma su questo fra qualche istante) la World League, suddivisa in tre divisioni. La Slovenia, vinta l’anno scorso la terza divisione, ha dominato quest’anno anche la seconda. Qualificatasi per la Final Four che si è giocata a Gold Coast in Australia (che qualcuno non mi venga a dire “sulla” Gold Coast, trattandosi, malgrado il nome, di una città nel Queensland) la Slovenia ha dapprima liquidato con un secco 3 a 0 l’Olanda e infine si è trovata in finale il Giappone che nell’altra semifinale aveva battuto al tiebreak l’Australia. Altro dominio degli sloveni (3 a 0 con il primo e il terzo set nei quali ha tenuto i giapponesi sotto i 20 punti e con il secondo vinto 26 a 24), baci a abbracci alla fine e qualifica acquisita per l’Empireo mondiale.

Signora pallacanestro

Quando sono in ferie non ho voglia di fare niente (quando uno è pigro, lo è in modo integrale), ma in questi giorni il tempo si è guastato, per cui la consueta routine del bagno di sole continuato, con tanto di scorte di sudoku, non è praticabile, per cui, in mancanza di meglio…

Scherzi a parte (ma neanche tanto…) devo innanzi tutto ringraziare tutti quelli che sono venuti alla sconvenscion per la bellissima giornata (il basket è – era - sport per gente intelligente) e per la coda in serata con cena e bellissima conversazione a tre. Peccato solo che fossimo solo in tre, per il resto è stato perfetto.

Nel frattempo ce n’è stato di basket. Devo comunque dire che la mia attenzione era rivolta per la massima parte agli Europei femminili, dei quali parlerò dopo, per cui del campionato italiano ho visto, anche per una serie di coincidenze temporali, troppo poco per dare un giudizio serio e ponderato, per cui mi limiterò a fare qualche considerazione come dire, a pelle, a sensazione.

Luogo sconvenscion

Premessa: siamo in un periodo dell’anno nel quale le osmice sono aperte a seconda della disponibilità, nel senso che quando vendono il vino che hanno chiudono. Ragion per cui Vremec ha avuto qualche difficoltà nell’individuare quella giusta fra le disponibili e, dopo un consulto con il sottoscritto, abbiamo deciso di ritornare sul luogo del delitto. Nel senso che faremo la sconvenscion nello stesso luogo in cui abbiamo fatto la prima, e cioè a Mavhinje-Malchina, Osmica Terčon al numero civico 42. Si poteva andare anche da qualche altra parte, ma per chi veniva da lontano, leggi Italia (per noi tutto quello che è oltre Trieste e il Friuli è Italia), la località è la più vicina a Monfalcone, qualche chilometro in linea d’aria, raggiungibile in più modi, tanto che non do alcuna indicazione in quanto so per esperienza che vi affidate a navigatori vari e fate per conto vostro.

Il paese è piccolo, alcuni tipo Walter, Roda (a proposito Roda, dove sei e perché non ti fai vivo?) o Andrea-GO, che c'erano già la prima volta sapranno arrivarci, in quanto si trova più o meno in centro, per cui non ci saranno difficoltà anche per quelli che l'altra volta non eravate.

Tutto sommato l'idea di ritornare dove eravamo già a tanti anni di distanza (qualcuno ricorda quanti?) mi piace e mi sa tanto di anniversario.

 

Ci vediamo sabato da mezzogiorno e mezza in poi come sempre.

Altri articoli...

  1. L'incubo di Milano
  2. Annuncio Sconvenscion 10 giugno
  3. SqualiFibateci!
  4. Divaghiamo alla sconvenscion
  5. Procediamo con moderazione
  6. Per chiudere il circo
  7. Cambierà la musica
  8. Cui prodest?
  9. C'erano una volta i giovani
  10. Ricomincio ad alzare il gomito
  11. Sorpresa di Natale
  12. Per morti ma non per tutti
  13. Leggete quello che scrivo?
  14. La Scempio League della FIBA
  15. La Slovenia si è messa in moto
  16. Diamoci una regolata
  17. Che razza di basket
  18. Il vero basket è quello USA (ma non quello che pensate voi...)
  19. Il doping in fumo
  20. È Stato il doping
  21. ...che si credono aquile
  22. Da Praprot a Messina
  23. Specialmente due
  24. Chi ha fifa della FIBA?
  25. Basket vs basket
  26. StrampaLLato!
  27. Filosofia materiale
  28. Saltiamo in Slovenia
  29. Stelle cadenti
  30. Giusto o sbagliato
  31. Sfogo sulla pelle
  32. Annuncio Sconvenscion - Aggiunta
  33. Annuncio Sconvenscion
  34. Europei 2015 - Commento 13
  35. Europei 2015 - Commento 12
  36. Europei 2015 - Commento 11
  37. Europei 2015 - Commento 10
  38. Europei 2015 - Commento 9
  39. Europei 2015 - Commento 8
  40. Europei 2015 - Commento 7
  41. Europei 2015 - Commento 6
  42. Europei 2015 - Commento 5
  43. Europei 2015 - Commento 4
  44. Europei 2015 - Commento 3
  45. Europei 2015 - Commento 2
  46. Europei 2015 - Commento 1
  47. NBA non ti vorrei
  48. Le partite delle stelle
  49. Articolo femminile
  50. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  51. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  52. Da Cleveland alla sconvenscion
  53. L'accento su Lebron
  54. Che perda il migliore...
  55. Una primavera del basket
  56. Fisico e fisica
  57. Tiro dritto
  58. Una lega dell'oro
  59. Non sgombriamo il campo
  60. A interesse zero
  61. Brutta copia
  62. La sorpresa e la difesa
  63. Attrazione esotica
  64. Mondiali medievali
  65. Mettiamo le cose in regola
  66. Il basket preso a calci
  67. Annuncio: Sconvenscion
  68. No se pol veder
  69. La fortuna e avere Blatt
  70. Incontro reale
  71. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  72. L'ultima classifica
  73. Stufato di basket
  74. Sport, gioco e lavoro
  75. Blog Olimpico Sochi - 3
  76. Blog Olimpico Sochi - 2
  77. Blog Olimpico Sochi - 1
  78. Un salto alle Olimpiadi
  79. Le 3 leggi della telecronistica
  80. Due sport e tre auguri diversi
  81. Sudoku sulla luna
  82. Che passi l'angoscia
  83. Sport sano in mente sana
  84. Non di solo basket
  85. Un'altra storia
  86. Omogeneizzato di basket
  87. L'estasi della finale
  88. (Mini) Commento Europei 18
  89. (Mini) Commento Europei 17
  90. (Mini) Commento Europei 16
  91. Commento Europei 15
  92. Commento Europei 14
  93. Commento Europei 13
  94. Commento Europei 12
  95. Commento Europei 11
  96. Commento Europei 10
  97. Commento Europei 9
  98. Commento Europei 8
  99. Commento Europei 7
  100. Commento Europei 6
  101. Commento Europei 5
  102. Commento Europei 4
  103. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  104. Commento Europei 2
  105. Commento Europei 1
  106. L'attacco che fa la musica
  107. In diretta (?) da Capodistria
  108. Povera Italia
  109. La Cattiva Germania
  110. Non di solo doping vive l'uomo...
  111. Il mostro della sconvention
  112. Annuncio sconvenscion
  113. La morte di Dražen
  114. Smodiš, buon lavoro!
  115. La squadra in testa
  116. Giocare a basket
  117. L'accento sulla zona
  118. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  119. Senza (dis)soluzione
  120. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  121. In nome del basket
  122. Coach di mestiere
  123. Iguanodonte ostrogoto
  124. Ritorno al futuro
  125. Statisticamente significativo
  126. Istruttori e distruttori
  127. Estrazione a morte
  128. Bastardi di tutto il mondo
  129. Polonarač
  130. La teoria dell'Eurolega
  131. Aperitivo sotto canestro
  132. Tasse ed Europa
  133. ANNUNCIO
  134. Dio salvi la Gallina
  135. Un passo indietro
  136. Allenando con le stelle
  137. Blog Olimpico - 17
  138. Blog Olimpico - 16
  139. Blog Olimpico - 15
  140. Blog Olimpico - 14
  141. Blog Olimpico - 13
  142. Blog Olimpico - 12
  143. Blog Olimpico - 11
  144. Blog Olimpico - 10
  145. Blog Olimpico - 9
  146. Blog Olimpico - 8
  147. Blog Olimpico - 7
  148. Blog Olimpico - 6
  149. Blog Olimpico - 5
  150. Blog Olimpico - 4
  151. Blog Olimpico - 3
  152. Blog Olimpico - 2
  153. Blog Olimpico - 1
  154. Calma pre-olimpica
  155. Parole giovani
  156. Basket di 20 anni
  157. Cose umane
  158. Tecnica-mente parlando
  159. Lo fattore Q
  160. Mistero Buffo-n
  161. I campioni (dei) superlativi
  162. Pianto greco
  163. Cartoni Rossi
  164. Non dire quattro...
  165. Incontro toscano a Sansepolcro
  166. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  167. Un gioco da ragazze
  168. Ci play o non ci sei?
  169. Fak, the college basketball!
  170. Gli amanti del fallo
  171. Linsanity? Lin's sanity!
  172. I due talenti
  173. Talento contrario
  174. Spazi d'altri tempi
  175. Gemelli diversi
  176. Canestro sotto l'albero
  177. Lezioni dimenticate
  178. Prima che il Gallo canti...
  179. Questione di maneducazione
  180. Ci vuole un fisico bestiale?
  181. Pian e ben!
  182. Testa di calcio
  183. Fenomeni a casa loro
  184. Macerie e Maccabi
  185. Canestro in buca
  186. Vecchia pura Macedonia...
  187. Los pronosticos optimistas
  188. Una manovra correttiva per l'Italia
  189. Europei in giapponese
  190. Ancora sugli Europei
  191. Campionati eVropei
  192. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  193. Nuotatori emergenti
  194. Dalla Danimarca alla Georgia
  195. Mi pronuncio così!
  196. Giovani, donne e il tennis di una volta
  197. Se Atene piange...
  198. L'Italia slovena e il tedesco americano
  199. La responsabilità di crescere
  200. Prima e doping
  201. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  202. L'urlo di Obradović
  203. Coach e analisi di un fenomeno...
  204. Presentazione Libro
  205. Carte in regola
  206. Statistiche e bugie
  207. Rivedo un buon basket
  208. Le formule dell'imbecillità
  209. Contatto cattivo
  210. La minoranza è ovunque
  211. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  212. Morale a fondo
  213. Lezione di tango
  214. Per forza o per amore
  215. Comandi, sior paron!
  216. Il sorteggio delle regole
  217. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  218. Giovani e Vecchi(ato)
  219. Impatto zero
  220. Dober Dan
  221. Pensieri di Natale
  222. Operazione Eurolega
  223. Fate partire la musica!
  224. Un basket diverso?
  225. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  226. La storia di Fragolino
  227. Non vengo anch'io
  228. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  229. Telecronisti radioattivi
  230. Fondamenta superficiali
  231. Un gioco da ragazzi
  232. Giovani a parole
  233. Errori e non errori
  234. Pallacanestro all'italiana
  235. I magnifici sette
  236. L'infranto sogno americano
  237. Time out
  238. Presentazione del libro a Trieste
  239. In difesa dell'attacco
  240. All'attacco, finchè Durant
  241. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  242. Gioco di parole
  243. Giocatori con-vincenti
  244. Fisicamente impossibile
  245. Il paio di Siena
  246. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  247. S'ciavi
  248. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  249. Grazie di stomaco
  250. Schemi mentali
  251. Poco Gentile con Rubio
  252. Piano col Brasile...
  253. Rivoluzione francese
  254. Un grande futuro alle spalle
  255. 4 punti da segnare
  256. Presentazione del libro