Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Furia iconoclasta

Mi è molto piaciuta la citazione di Edoardo di quanto ha scritto Nenad Kiš (uno che sa esattamente tutto del basket e che ho avuto modo di conoscere durante la mia presenza a Belgrado per la presentazione della traduzione del mio libro e che mi fece anche una lunga e interessante intervista – a proposito, non so chi lo ha scritto, ma il coach del Barcellona si chiama Svetislav Pešić che si legge Pescich e non “Pesich”, proprio come Perišić si legge Periscich e non “Perisich”, come ormai, ahimé, dicono proprio tutti i telecronisti in Italia – è proprio tanto difficile sforzarsi di pronunciare giusto? Eppure il suono in italiano è presentissimo, a cominciare dalla parola scienza, o semplicemente conoscenza, in poi) in merito a Krešo Ćosić, che è poi esattamente quello che scrivo io nel mio libro quando tento di spiegare perché sia stato il più grande giocatore jugoslavo di tutti i tempi e, per quanto riguarda l’Europa, se non il più grande, certamente il più importante, quello che ha portato il basket europeo, con la sola sua presenza, a sbarcare nello stesso pianeta che all’epoca era occupato dagli USA.

Università indifendibili

Breve intermezzo da ferie casalinghe. Inciso: per me ferie vuol dire fare un emerito tubo e godermi l’ozio, ma a volte il troppo è troppo. Intanto una risposta a Edoardo che si chiede da dove derivi il mio “ostracismo” nei confronti del basket di college. Ostracismo è una parola molto forte che implica anche una connotazione di rifiuto ideologico dell’attività a cui ci si riferisce, ragion per cui non è certamente pertinente ai miei sentimenti. Più che ostracismo direi totale disinteresse, quello senz’altro. La ragione penso di averla spiegata in un post precedente e credevo di essere stato chiaro. Evidentemente non lo sono stato, per cui provo a spiegarmi meglio partendo un po’ più da lontano. Il basket era il più bel gioco del mondo, perché più di tutti gli altri sport di squadra, oltre alle indispensabili doti fisiche e atletiche, peculiari e molto importanti che altri sport non richiedono (e questo è stato da sempre il suo unico punto debole), prevedeva che per svolgerlo si dovesse essere in possesso di doti di creatività, inventiva, di reazioni istantanee a stimoli sempre diversi, di intelligenza nel proporsi nel gruppo in modo proficuo alle sorti della squadra di cui si faceva parte che altri sport di squadra, chi più chi meno, non avevano. Con la reazione violenta impressa al basket dalla sciagurata scelta dell’NBA di portarlo dalle palestre universitarie ai playground urbani tutto questo patrimonio di intelligenza applicata è andato clamorosamente a farsi benedire. Il basket è diventato uno sport da forzuti primati che si esaltano nel balzo felino, nell’urlo continuo con conseguente battuta del petto (mai visti documentari sui gorilla?), e tutta la creatività si è ridotta a una specie di istinto primordiale che dice di fare cose possibilmente spettacolari, ma normalmente poco consone al momento nel quale vengono fatte. Con la conseguenza che il basket dell’NBA è fondamentalmente un gioco da decerebrati guidati dall’istinto.

Insegnamento ad eliminazione diretta

Per toccare un po' di attualità vorrei cominciare con una citazione del commento di un giornalista amico mio sull'ultima partita di Eurolega dell'Armani Milano contro il Fenerbahce. Devo dire che sono molto d'accordo: "L'Armani Milano era attesa a una partita fondamentale, assolutamente da vincere per poter sperare nei playoff, contro i leader in classifica del Fenerbahce Istanbul, presentatisi però a Milano senza tre giocatori fondamentali quali Vesely, Lauvergne e Sloukas. Quelli che sono arrivati però sono bastati e avanzati per battere una Milano totalmente sconclusionata, senza il minimo straccio di idea di cosa fare in campo, ma soprattutto con giocatori, Mark James in testa, che sembravano in campo solo perchè costretti, con un linguaggio del corpo che comunicava miglia lontano che avrebbero voluto essere in qualsiasi altro posto meno che lì. Tecnicamente è stata una mattanza fra una squadra che sapeva benissimo cosa fare e l'altra che si affidava a lampi individuali, Nunnally e poi ogni tanto Jerrells, per il resto era caos disorganizzato (Sergio Tavčar, TG sportivo di TV Capodistria di venerdì 30/3)".

Mi Alma perdida

Non so quando queste righe vedranno la luce, in quanto il mio administrator è in vacanza in Argentina, incredibilmente connesso molto precariamente (che il mio esempio, dai e dai, abbia creato la base per qualche riflessione controcorrente? Se fosse così, sarebbe troppo bello), per cui non ci sono realistiche possibilità fino a domenica 31 che questo testo venga messo in rete.

Posso dunque prendermela comoda e non parlare di attualità, se non agganciarmi per un istante a quanto riportato da Walter nei commenti sugli eventi di due settimane fa, pieni di straordinari successi che per me si sono completati (oltre alla goduria per la vittoria della Juve, sia per la vittoria in sé, sia per la perversa soddisfazione di vedere strangolati in gola ai gufi antijuventini tutti i latrati vomitanti odio che si sarebbero esalati in caso di eliminazione – poi ha perso anche l’Inter, il che in sé mi lascia freddo, ma pur sempre come conseguenza gli interisti, almeno loro, avranno, spero, il pudore di non aprire più bocca, visto che non gli conviene) con la doppia vittoria a Vikersund della squadra slovena sabato e del redivivo Domen Prevc domenica sul trampolino di voli più grande che ci sia al mondo.

Ricordo bene

Sono finiti i Mondiali di sci nordico che ho commentato a manetta seguendo tutte le gare di fondo e salti con normalmente due telecronache al giorno per 3-4 ore di microfono in mano. Ora ho un paio di giorni di pausa, per cui posso respirare e rifarmi vivo. Dico subito però che non mi sono stancato né spossato, in quanto tutte le gare sono state interessanti, alcune addirittura magnifiche, salvo i salti degli uomini dal trampolino medio che per le condizioni atmosferiche sono state una assoluta lotteria, anche se poi il podio, Kubacky, Stoch e Kraft, lascerebbe supporre che sia stato tutto regolare.

Nomi da dimenticare

Volevo accennare anch’io alle irresponsabili e farneticanti parole neo-irredentiste pronunciate domenica a Basovizza. E finché Salvini dice che nelle foibe vennero gettati i bambini come a Auschwitz…va be’, si sa, un fascista rimane tale e dunque che dica certe cose non meraviglia, ma che il Presidente del Parlamento europeo si lasci andare a esclamazioni totalmente grottesche e fuori dal mondo nell’anno del signore 2019, a 74 anni dalla fine della guerra (per la prospettiva storica: dalla fine della guerra sono passati tanti anni circa come ne passarono dal Congresso di Berlino all’inizio della seconda guerra mondiale, dunque un bel po’ di tempo con tante cose che sono successe in mezzo, che ne dite?), questo onestamente non me lo sarei aspettato neanche negli incubi notturni da indigestione. Però avete detto tutto voi, e soprattutto lo ha fatto in modo eccellente il corrispondente di Severgnini, per cui io aggiungo solo che purtroppo le cose a mio avviso non cambieranno mai per una semplice ragione: che in Italia sono state dimenticate, o volontariamente rimosse due cose fondamentali: 1) che la guerra sul fronte italo-jugoslavo l’ha cominciata lei e che 2) poi questa guerra l’ha persa senza se e senza ma con la rotta dell’8 settembre.

Lingua dominante

Un invito a nozze del genere non l’avevo mai ricevuto. L’avete voluto voi e dunque non lamentatevi se adesso dalla mia tastiera erutterà un vulcano di parole. L’argomento è ovviamente quello delle lingue, sulla facilità o meno che hanno alcune genti di impararle meglio e prima (e alcune di essere proprio negate) e da ciò anche la presenza o molto più spesso assenza totale di cultura generale che dovrebbe permettere a chi parla in un microfono di essere perlomeno credibile quando pronuncia cognomi (o parole) straniere.

Altri articoli...

  1. Danko e Kamenko
  2. Tiriamo le fila
  3. Scelte individuali
  4. La tecnica dei pensionati
  5. Hanno ammazzato il basket, il basket è vivo!
  6. Annuncio Sconvenscion
  7. L'Olimpija e l'Olimpia da 1 a 5
  8. Sconvenscion all-around
  9. Mars Attacks!
  10. Nazionali improbabili
  11. Mista bene!
  12. Pezzo in stile libero
  13. Io mi (auto)stimo moltissimo
  14. Ci vediamo A Trieste
  15. Annuncio sconvenscion 30 giugno
  16. Piano coi numeri
  17. Astuzia o fatica
  18. Mi là no!
  19. Andrea Tosi intervista Sergio Tavčar
  20. Guastatori, elettori, allenatori
  21. Istruzione e universitari
  22. Vedo il Grande Fratello
  23. Non è uno sport per signorini
  24. Fak you!
  25. Da Belgrado all'America
  26. Vacche e banane
  27. Delo-crazia all'italiana
  28. Ragioni invisibili
  29. Aperti i giochi della Sconvenscion
  30. Scacco al rey
  31. Sconvenscion a tema Eurolega
  32. Banditi della politica
  33. Fantasia italiana
  34. Ripuliamo il mare
  35. Parola di tifoso
  36. ...
  37. Sogno di una notte di fine estate
  38. Generazione di fenomeno
  39. Un basket preso in giro
  40. PronOstico per l'Italia
  41. Pensiero primitivo
  42. Dritto al punto
  43. OltrePassiAmo
  44. Il tempo del Re
  45. Sottrarsi alla pugna
  46. Orrore al merito
  47. Signora pallacanestro
  48. Luogo sconvenscion
  49. L'incubo di Milano
  50. Annuncio Sconvenscion 10 giugno
  51. SqualiFibateci!
  52. Divaghiamo alla sconvenscion
  53. Procediamo con moderazione
  54. Per chiudere il circo
  55. Cambierà la musica
  56. Cui prodest?
  57. C'erano una volta i giovani
  58. Ricomincio ad alzare il gomito
  59. Sorpresa di Natale
  60. Per morti ma non per tutti
  61. Leggete quello che scrivo?
  62. La Scempio League della FIBA
  63. La Slovenia si è messa in moto
  64. Diamoci una regolata
  65. Che razza di basket
  66. Il vero basket è quello USA (ma non quello che pensate voi...)
  67. Il doping in fumo
  68. È Stato il doping
  69. ...che si credono aquile
  70. Da Praprot a Messina
  71. Specialmente due
  72. Chi ha fifa della FIBA?
  73. Basket vs basket
  74. StrampaLLato!
  75. Filosofia materiale
  76. Saltiamo in Slovenia
  77. Stelle cadenti
  78. Giusto o sbagliato
  79. Sfogo sulla pelle
  80. Annuncio Sconvenscion - Aggiunta
  81. Annuncio Sconvenscion
  82. Europei 2015 - Commento 13
  83. Europei 2015 - Commento 12
  84. Europei 2015 - Commento 11
  85. Europei 2015 - Commento 10
  86. Europei 2015 - Commento 9
  87. Europei 2015 - Commento 8
  88. Europei 2015 - Commento 7
  89. Europei 2015 - Commento 6
  90. Europei 2015 - Commento 5
  91. Europei 2015 - Commento 4
  92. Europei 2015 - Commento 3
  93. Europei 2015 - Commento 2
  94. Europei 2015 - Commento 1
  95. NBA non ti vorrei
  96. Le partite delle stelle
  97. Articolo femminile
  98. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  99. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  100. Da Cleveland alla sconvenscion
  101. L'accento su Lebron
  102. Che perda il migliore...
  103. Una primavera del basket
  104. Fisico e fisica
  105. Tiro dritto
  106. Una lega dell'oro
  107. Non sgombriamo il campo
  108. A interesse zero
  109. Brutta copia
  110. La sorpresa e la difesa
  111. Attrazione esotica
  112. Mondiali medievali
  113. Mettiamo le cose in regola
  114. Il basket preso a calci
  115. Annuncio: Sconvenscion
  116. No se pol veder
  117. La fortuna e avere Blatt
  118. Incontro reale
  119. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  120. L'ultima classifica
  121. Stufato di basket
  122. Sport, gioco e lavoro
  123. Blog Olimpico Sochi - 3
  124. Blog Olimpico Sochi - 2
  125. Blog Olimpico Sochi - 1
  126. Un salto alle Olimpiadi
  127. Le 3 leggi della telecronistica
  128. Due sport e tre auguri diversi
  129. Sudoku sulla luna
  130. Che passi l'angoscia
  131. Sport sano in mente sana
  132. Non di solo basket
  133. Un'altra storia
  134. Omogeneizzato di basket
  135. L'estasi della finale
  136. (Mini) Commento Europei 18
  137. (Mini) Commento Europei 17
  138. (Mini) Commento Europei 16
  139. Commento Europei 15
  140. Commento Europei 14
  141. Commento Europei 13
  142. Commento Europei 12
  143. Commento Europei 11
  144. Commento Europei 10
  145. Commento Europei 9
  146. Commento Europei 8
  147. Commento Europei 7
  148. Commento Europei 6
  149. Commento Europei 5
  150. Commento Europei 4
  151. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  152. Commento Europei 2
  153. Commento Europei 1
  154. L'attacco che fa la musica
  155. In diretta (?) da Capodistria
  156. Povera Italia
  157. La Cattiva Germania
  158. Non di solo doping vive l'uomo...
  159. Il mostro della sconvention
  160. Annuncio sconvenscion
  161. La morte di Dražen
  162. Smodiš, buon lavoro!
  163. La squadra in testa
  164. Giocare a basket
  165. L'accento sulla zona
  166. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  167. Senza (dis)soluzione
  168. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  169. In nome del basket
  170. Coach di mestiere
  171. Iguanodonte ostrogoto
  172. Ritorno al futuro
  173. Statisticamente significativo
  174. Istruttori e distruttori
  175. Estrazione a morte
  176. Bastardi di tutto il mondo
  177. Polonarač
  178. La teoria dell'Eurolega
  179. Aperitivo sotto canestro
  180. Tasse ed Europa
  181. ANNUNCIO
  182. Dio salvi la Gallina
  183. Un passo indietro
  184. Allenando con le stelle
  185. Blog Olimpico - 17
  186. Blog Olimpico - 16
  187. Blog Olimpico - 15
  188. Blog Olimpico - 14
  189. Blog Olimpico - 13
  190. Blog Olimpico - 12
  191. Blog Olimpico - 11
  192. Blog Olimpico - 10
  193. Blog Olimpico - 9
  194. Blog Olimpico - 8
  195. Blog Olimpico - 7
  196. Blog Olimpico - 6
  197. Blog Olimpico - 5
  198. Blog Olimpico - 4
  199. Blog Olimpico - 3
  200. Blog Olimpico - 2
  201. Blog Olimpico - 1
  202. Calma pre-olimpica
  203. Parole giovani
  204. Basket di 20 anni
  205. Cose umane
  206. Tecnica-mente parlando
  207. Lo fattore Q
  208. Mistero Buffo-n
  209. I campioni (dei) superlativi
  210. Pianto greco
  211. Cartoni Rossi
  212. Non dire quattro...
  213. Incontro toscano a Sansepolcro
  214. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  215. Un gioco da ragazze
  216. Ci play o non ci sei?
  217. Fak, the college basketball!
  218. Gli amanti del fallo
  219. Linsanity? Lin's sanity!
  220. I due talenti
  221. Talento contrario
  222. Spazi d'altri tempi
  223. Gemelli diversi
  224. Canestro sotto l'albero
  225. Lezioni dimenticate
  226. Prima che il Gallo canti...
  227. Questione di maneducazione
  228. Ci vuole un fisico bestiale?
  229. Pian e ben!
  230. Testa di calcio
  231. Fenomeni a casa loro
  232. Macerie e Maccabi
  233. Canestro in buca
  234. Vecchia pura Macedonia...
  235. Los pronosticos optimistas
  236. Una manovra correttiva per l'Italia
  237. Europei in giapponese
  238. Ancora sugli Europei
  239. Campionati eVropei
  240. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  241. Nuotatori emergenti
  242. Dalla Danimarca alla Georgia
  243. Mi pronuncio così!
  244. Giovani, donne e il tennis di una volta
  245. Se Atene piange...
  246. L'Italia slovena e il tedesco americano
  247. La responsabilità di crescere
  248. Prima e doping
  249. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  250. L'urlo di Obradović
  251. Coach e analisi di un fenomeno...
  252. Presentazione Libro
  253. Carte in regola
  254. Statistiche e bugie
  255. Rivedo un buon basket
  256. Le formule dell'imbecillità
  257. Contatto cattivo
  258. La minoranza è ovunque
  259. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  260. Morale a fondo
  261. Lezione di tango
  262. Per forza o per amore
  263. Comandi, sior paron!
  264. Il sorteggio delle regole
  265. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  266. Giovani e Vecchi(ato)
  267. Impatto zero
  268. Dober Dan
  269. Pensieri di Natale
  270. Operazione Eurolega
  271. Fate partire la musica!
  272. Un basket diverso?
  273. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  274. La storia di Fragolino
  275. Non vengo anch'io
  276. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  277. Telecronisti radioattivi
  278. Fondamenta superficiali
  279. Un gioco da ragazzi
  280. Giovani a parole
  281. Errori e non errori
  282. Pallacanestro all'italiana
  283. I magnifici sette
  284. L'infranto sogno americano
  285. Time out
  286. Presentazione del libro a Trieste
  287. In difesa dell'attacco
  288. All'attacco, finchè Durant
  289. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  290. Gioco di parole
  291. Giocatori con-vincenti
  292. Fisicamente impossibile
  293. Il paio di Siena
  294. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  295. S'ciavi
  296. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  297. Grazie di stomaco
  298. Schemi mentali
  299. Poco Gentile con Rubio
  300. Piano col Brasile...
  301. Rivoluzione francese
  302. Un grande futuro alle spalle
  303. 4 punti da segnare
  304. Presentazione del libro