Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

(Mini) Commento Europei 17

Stampa
Creato Venerdì, 20 Settembre 2013 Scritto da Sergio Tavčar

Altro post telegrafico. Match fra massimi e welter. Quando i massimi hanno deciso di duellare sulla distanza corta, corpo a corpo, hanno messo il k.d. Dall'altra parte si sarebbe dovuto danzare come una libellula e pungere come un'ape. Fatto. Fino a che la danza ha tolto il fiato e l'ape ha perso il pungiglione. Peccato. Quasi quasi mi ricredo sul fatto che i chili non giochino a basket (scherzo! Non crederete mica che parli sul serio! Pietà!).

Altra semifinale: ucraini lunghi, pipponi, senza fantasia, ma ben allenati contro una squadra non tanto più forte che ha però avuto Simon ispirato, Draper vero play, Ukić meno dannoso del solito, dirò di più, a volte anche utile, Croazia vince malgrado la catalessi da malattia del sonno di Tomić.