Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Banditi della politica

AlbertoAtene, grazie! Grazie di tutto il cuore, perché altrimenti queste mie considerazioni avrebbero avuto tutto un altro tono, al confronto del quale quello di Savonarola sarebbe apparso un discorso di Gandhi, mentre grazie al tuo intervento posso usare termini molto più pacati, termini dei quali penso che non dovrò in seguito vergognarmi. 

In breve hai detto tutto tu, facendo la dovuta chiarezza. Allora, per un’ultimissima volta chiarisco definitivamente qual è il mio pensiero. Sulla regola che permette a una Nazionale di basket di schierare un passaportato, indipendentemente da come e per quali ragioni il passaporto gli sia stato dato, sono perfettamente d’accordo che è una regola sbagliata. Punto. Al limite anche sommamente ingiusta e, peggio ancora, inutile. A parziale scusante posso addurre la difficoltà che avrebbe la FIBA a discutere di caso in caso con ricorsi e controricorsi nei casi al limite (per esempio come mai Filloy possa giocare impunemente da italiano mentre Omić, che ha fatto esattamente lo stesso identico percorso agonistico, debba giocare da passaportato non riuscirò mai a capirlo, ma il succo del discorso sta tutto da un’altra parte), per cui suppongo che abbia deciso di tagliare la testa al toro decidendo che ogni Nazionale potesse schierarne uno per campagna indipendentemente da come il passaporto fosse stato ottenuto.

Fantasia italiana

Visti totalmente respinti, proprio perché viviamo su pianeti diversi e visto che mi convinco sempre di più che chi vive da sempre in uno stato unitario da più di 150 anni e non conosce i problemi degli altri pensa che quelli suoi siano il massimo (mio papà usava in questo caso una locuzione tedesca: “Come il piccolo Pietro vede il mondo”) e dunque parlare con lui è come parlare al muro, i miei tentativi di spiegare cos’era la Jugoslavia politicamente, ma soprattutto culturalmente e socialmente, e visto che sulla sponda Randolph continueremo a essere su due sponde di due oceani diversi (chiaramente come io non ho convinto voi, tanto meno voi avete convinto me), e solo rispondendo in breve a Pado che prima di parlare di Randolph “ex post” ho fatto una premessa facilmente localizzabile, che diceva che durante il campionato ho progressivamente cambiato idea sul suo utilizzo spiegando anche perché, e anche qui innescando un dialogo fra sordi, a questo punto uso un’altra frase di mio papà, questa volta in sloveno, che diceva: “Sergio, pametnejši odneha!”, che cioè il più saggio smette per primo, e dunque rispondo con piacere alla richiesta di Franz (lui è il più saggio di tutti, evidentemente, perché è quello che ha smesso per primo) di parlare dell’Europeo dell’Italia.

Ripuliamo il mare

Mamma mia, quanta roba! Non so da dove cominciare. E allora per prima cosa continuo il mio sfogo che si sta sempre più colorando di estasi/orgasmo vedendo i complimenti a denti stretti che vengono fatti, come siamo tutti contenti, bella favola, ma…intanto con Randolph è stato facile, la Slovenia (ripeto, che nella storia in faccende analoghe ha ricevuto calci in faccia da quando esiste e che stavolta ha voluto per una volta tanto fare come tutti gli altri, ma ci ritorno fra poco, perché di rospi da sputare ne ho per uno stagno) ha barato, noi invece…l’arbitraggio ha dato una mano (cazzata totale, guardando la partita una settimana dopo a mente molto più fredda continuo a credere che semmai qualcosa da recriminare lo avrebbe la Slovenia, e allora dico che semplicemente l’arbitraggio è stato prevedibilmente scarso, che Đorđević, sapendo benissimo che gli arbitri erano scarsi, ha fatto un pressing spudorato su di loro provandole tutte per vincere e protestando platealmente anche in situazioni assolutamente risibili e che infine un bel tecnico alla panchina serba era maturo da almeno una decina di minuti)…insomma, le scuse per dire che la Slovenia ha vinto sì meritatamente fino a un certo punto le avete trovate tutte, per cui godo sempre più come un suino mentre tentate di arrampicarvi sugli specchi per non voler accettare che una scalcagnata e minuscola Slovenia possa avere una squadra di basket che distrugge strada facendo Francia e Spagna, batte la micidiale Lettonia, vera finale anticipata, nella quale la Slovenia ha giocato incomparabilmente meglio che in finale (merito questo anche della Serbia, senza dubbio, ma se solo Dončić, prima ancora di scavigliarsi, avesse giocato solo circa come aveva fatto contro la Lettonia la partita sarebbe finita in largo anticipo come contro la Spagna che spero adesso non mi verrete a dire che era scarsa), cosa che sono sicuro inneschi anche a livello subconscio una specie di meccanismo di difesa, della serie, accidenti, se vince la Slovenia allora noi siamo veramente mal messi. In più tutti questi discorsi su Randolph, stante la mia esortazione, avranno un effetto ecologicamente fondamentale, ripulendo da ogni residuo di plastica tutti gli oceani del globo.

Parola di tifoso

Eccomi qua. Finalmente dopo una serie di giorni caotici oggi mi sono preso ferie per il fine settimana, visto anche che domani e sabato farò il “commentatore tecnico” per le telecronache in streaming della Lega2 della Supercoppa di Lega che si gioca a Trieste. Ovviamente lunedì è stata una giornata folle con servizi, commenti, chiacchiere e discussioni nonché feste, ovvio, e poi di sera sono andato a Lubiana alla festa della vittoria per fare qualche intervista da mettere in onda lunedì nel mega servizio che faremo per la prima giornata della nuova stagione della nostra Zona sport. Poi martedì e ieri ero in turno, per cui appena oggi ho tempo. 

...

Sogno di una notte di fine estate

Edoardo chiedeva che, se magari non avessi avuto tempo di scrivere apposta per il blog, di postare a volte quanto scrivo ogni giorno per il Primorski dnevnik. Ecco fatto: questo è il pezzo che è uscito oggi.

Il giovedì è un giorno dedicato al bridge. Stavolta il torneo settimanale è venuto a puntino, in quanto non ho i nervi per guardare le partite della Slovenia dal vivo essendo sempre sull’orlo di un infarto, per cui ho impostato la registrazione, ho preparato il terreno per mio fratello e sua cognata che venivano a casa mia per vedere la partita non essendo abbonati Sky e sono andato al torneo. L’intento era quello di subire lo choc tutto d’un colpo tornando a casa e dando un’occhiata al televideo. Se la Slovenia avesse perso, sarei andato a dormire, se avesse vinto avrei guardato con voluttà la registrazione.

Generazione di fenomeno

Prima di passare al basket alcune precisazioni sulle famose “ić” invece di “ič” nei cognomi di alcuni giocatori sloveni. Per chi non lo sapesse le due diverse grafie del segnetto sopra la “c” sono assolutamente dirimenti per scovare le origini di una persona dell’area jugoslava (in senso geografico). La “č” ha una pronuncia dura , diciamo lo stesso tipo di c di ciliegia detto soprattutto da Roma in giù, mentre la “ć” ha una pronuncia molto più tenera che a noi che parliamo dialetti di origini venete riesce benissimo per esempio nelle parole “cior”, “ciapin” eccetera. Il trucco è che la c tenera (“meki ć), considerata come consonante a parte, esiste solamente nel serbo-croato, mentre in sloveno non esiste proprio. E dunque i patronimici sloveni (Blažič, Prepelič, dei giocatori dell’attuale nazionale) vengono scritti con la c dura, mentre la c tenera esiste nei patronimici di origini serbo-croate che dunque distinguono subito, a prima vista, le origini della persona che porta questo tipo di cognome. Come detto già altre volte (e Jesenice è solo un esempio) nella vecchia Jugoslavia la Slovenia, da repubblica più progredita, attirava molte persone dal sud in cerca di lavoro, esattamente lo stesso fenomeno per il quale a Torino ci sono molti più tifosi juventini che torinisti. Le quali comunque sono ormai arrivate alla terza, se non quarta generazione, di gente nata in Slovenia, che si sente slovena al 100% (facciamo da 70% a 90%... Dragić, Murić, Zagorac – a proposito, anche la desinenza –ac invece di -ec è decisiva per scoprire le origini) pur portando il retaggio del cognome originale.

Altri articoli...

  1. Un basket preso in giro
  2. PronOstico per l'Italia
  3. Pensiero primitivo
  4. Dritto al punto
  5. OltrePassiAmo
  6. Il tempo del Re
  7. Sottrarsi alla pugna
  8. Orrore al merito
  9. Signora pallacanestro
  10. Luogo sconvenscion
  11. L'incubo di Milano
  12. Annuncio Sconvenscion 10 giugno
  13. SqualiFibateci!
  14. Divaghiamo alla sconvenscion
  15. Procediamo con moderazione
  16. Per chiudere il circo
  17. Cambierà la musica
  18. Cui prodest?
  19. C'erano una volta i giovani
  20. Ricomincio ad alzare il gomito
  21. Sorpresa di Natale
  22. Per morti ma non per tutti
  23. Leggete quello che scrivo?
  24. La Scempio League della FIBA
  25. La Slovenia si è messa in moto
  26. Diamoci una regolata
  27. Che razza di basket
  28. Il vero basket è quello USA (ma non quello che pensate voi...)
  29. Il doping in fumo
  30. È Stato il doping
  31. ...che si credono aquile
  32. Da Praprot a Messina
  33. Specialmente due
  34. Chi ha fifa della FIBA?
  35. Basket vs basket
  36. StrampaLLato!
  37. Filosofia materiale
  38. Saltiamo in Slovenia
  39. Stelle cadenti
  40. Giusto o sbagliato
  41. Sfogo sulla pelle
  42. Annuncio Sconvenscion - Aggiunta
  43. Annuncio Sconvenscion
  44. Europei 2015 - Commento 13
  45. Europei 2015 - Commento 12
  46. Europei 2015 - Commento 11
  47. Europei 2015 - Commento 10
  48. Europei 2015 - Commento 9
  49. Europei 2015 - Commento 8
  50. Europei 2015 - Commento 7
  51. Europei 2015 - Commento 6
  52. Europei 2015 - Commento 5
  53. Europei 2015 - Commento 4
  54. Europei 2015 - Commento 3
  55. Europei 2015 - Commento 2
  56. Europei 2015 - Commento 1
  57. NBA non ti vorrei
  58. Le partite delle stelle
  59. Articolo femminile
  60. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  61. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  62. Da Cleveland alla sconvenscion
  63. L'accento su Lebron
  64. Che perda il migliore...
  65. Una primavera del basket
  66. Fisico e fisica
  67. Tiro dritto
  68. Una lega dell'oro
  69. Non sgombriamo il campo
  70. A interesse zero
  71. Brutta copia
  72. La sorpresa e la difesa
  73. Attrazione esotica
  74. Mondiali medievali
  75. Mettiamo le cose in regola
  76. Il basket preso a calci
  77. Annuncio: Sconvenscion
  78. No se pol veder
  79. La fortuna e avere Blatt
  80. Incontro reale
  81. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  82. L'ultima classifica
  83. Stufato di basket
  84. Sport, gioco e lavoro
  85. Blog Olimpico Sochi - 3
  86. Blog Olimpico Sochi - 2
  87. Blog Olimpico Sochi - 1
  88. Un salto alle Olimpiadi
  89. Le 3 leggi della telecronistica
  90. Due sport e tre auguri diversi
  91. Sudoku sulla luna
  92. Che passi l'angoscia
  93. Sport sano in mente sana
  94. Non di solo basket
  95. Un'altra storia
  96. Omogeneizzato di basket
  97. L'estasi della finale
  98. (Mini) Commento Europei 18
  99. (Mini) Commento Europei 17
  100. (Mini) Commento Europei 16
  101. Commento Europei 15
  102. Commento Europei 14
  103. Commento Europei 13
  104. Commento Europei 12
  105. Commento Europei 11
  106. Commento Europei 10
  107. Commento Europei 9
  108. Commento Europei 8
  109. Commento Europei 7
  110. Commento Europei 6
  111. Commento Europei 5
  112. Commento Europei 4
  113. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  114. Commento Europei 2
  115. Commento Europei 1
  116. L'attacco che fa la musica
  117. In diretta (?) da Capodistria
  118. Povera Italia
  119. La Cattiva Germania
  120. Non di solo doping vive l'uomo...
  121. Il mostro della sconvention
  122. Annuncio sconvenscion
  123. La morte di Dražen
  124. Smodiš, buon lavoro!
  125. La squadra in testa
  126. Giocare a basket
  127. L'accento sulla zona
  128. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  129. Senza (dis)soluzione
  130. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  131. In nome del basket
  132. Coach di mestiere
  133. Iguanodonte ostrogoto
  134. Ritorno al futuro
  135. Statisticamente significativo
  136. Istruttori e distruttori
  137. Estrazione a morte
  138. Bastardi di tutto il mondo
  139. Polonarač
  140. La teoria dell'Eurolega
  141. Aperitivo sotto canestro
  142. Tasse ed Europa
  143. ANNUNCIO
  144. Dio salvi la Gallina
  145. Un passo indietro
  146. Allenando con le stelle
  147. Blog Olimpico - 17
  148. Blog Olimpico - 16
  149. Blog Olimpico - 15
  150. Blog Olimpico - 14
  151. Blog Olimpico - 13
  152. Blog Olimpico - 12
  153. Blog Olimpico - 11
  154. Blog Olimpico - 10
  155. Blog Olimpico - 9
  156. Blog Olimpico - 8
  157. Blog Olimpico - 7
  158. Blog Olimpico - 6
  159. Blog Olimpico - 5
  160. Blog Olimpico - 4
  161. Blog Olimpico - 3
  162. Blog Olimpico - 2
  163. Blog Olimpico - 1
  164. Calma pre-olimpica
  165. Parole giovani
  166. Basket di 20 anni
  167. Cose umane
  168. Tecnica-mente parlando
  169. Lo fattore Q
  170. Mistero Buffo-n
  171. I campioni (dei) superlativi
  172. Pianto greco
  173. Cartoni Rossi
  174. Non dire quattro...
  175. Incontro toscano a Sansepolcro
  176. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  177. Un gioco da ragazze
  178. Ci play o non ci sei?
  179. Fak, the college basketball!
  180. Gli amanti del fallo
  181. Linsanity? Lin's sanity!
  182. I due talenti
  183. Talento contrario
  184. Spazi d'altri tempi
  185. Gemelli diversi
  186. Canestro sotto l'albero
  187. Lezioni dimenticate
  188. Prima che il Gallo canti...
  189. Questione di maneducazione
  190. Ci vuole un fisico bestiale?
  191. Pian e ben!
  192. Testa di calcio
  193. Fenomeni a casa loro
  194. Macerie e Maccabi
  195. Canestro in buca
  196. Vecchia pura Macedonia...
  197. Los pronosticos optimistas
  198. Una manovra correttiva per l'Italia
  199. Europei in giapponese
  200. Ancora sugli Europei
  201. Campionati eVropei
  202. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  203. Nuotatori emergenti
  204. Dalla Danimarca alla Georgia
  205. Mi pronuncio così!
  206. Giovani, donne e il tennis di una volta
  207. Se Atene piange...
  208. L'Italia slovena e il tedesco americano
  209. La responsabilità di crescere
  210. Prima e doping
  211. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  212. L'urlo di Obradović
  213. Coach e analisi di un fenomeno...
  214. Presentazione Libro
  215. Carte in regola
  216. Statistiche e bugie
  217. Rivedo un buon basket
  218. Le formule dell'imbecillità
  219. Contatto cattivo
  220. La minoranza è ovunque
  221. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  222. Morale a fondo
  223. Lezione di tango
  224. Per forza o per amore
  225. Comandi, sior paron!
  226. Il sorteggio delle regole
  227. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  228. Giovani e Vecchi(ato)
  229. Impatto zero
  230. Dober Dan
  231. Pensieri di Natale
  232. Operazione Eurolega
  233. Fate partire la musica!
  234. Un basket diverso?
  235. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  236. La storia di Fragolino
  237. Non vengo anch'io
  238. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  239. Telecronisti radioattivi
  240. Fondamenta superficiali
  241. Un gioco da ragazzi
  242. Giovani a parole
  243. Errori e non errori
  244. Pallacanestro all'italiana
  245. I magnifici sette
  246. L'infranto sogno americano
  247. Time out
  248. Presentazione del libro a Trieste
  249. In difesa dell'attacco
  250. All'attacco, finchè Durant
  251. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  252. Gioco di parole
  253. Giocatori con-vincenti
  254. Fisicamente impossibile
  255. Il paio di Siena
  256. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  257. S'ciavi
  258. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  259. Grazie di stomaco
  260. Schemi mentali
  261. Poco Gentile con Rubio
  262. Piano col Brasile...
  263. Rivoluzione francese
  264. Un grande futuro alle spalle
  265. 4 punti da segnare
  266. Presentazione del libro