Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Europei 2015 - Commento 8

 

 

 

Scrivere dell’Italia mi riesce difficile. Sono convinto infatti che sarò frainteso e che sarò alla fine annoverato nel novero di coloro che si cimentano nello sport nazionale italiano, il salto sul carro dei vincitori. Sarà veramente difficile tentare di spiegare che secondo me tutto segue un filo logico e ancora più difficile tentare di evitare il classico e odioso “ve l’avevo detto io”.

Comunque ci provo. Parto da una semplice constatazione: non credo vi sia al mondo qualcuno che creda che la nazionale di basket dell’Islanda sia nettamente più forte di quella di Israele. Se qualcuno lo pensa, smetta di leggere e vada a farsi ricoverare per provare a farsi disintossicare dall’evidente massiccia assunzione di sostanze psicotropiche. Eppure l’Italia contro l’Islanda stava perdendo la partita e invece a Israele ha dato 30.  Perché? Semplicemente perché contro l’Islanda, come contro la Turchia il giorno prima, aveva fatto schifo, ieri invece ha giocato maledettamente bene. Tutto qua. Cos’è cambiato?

Europei 2015 - Commento 7

 

 

 

Non occorre assolutamente che vi preoccupiate per le mie condizioni di spirito. Forse dopo aver strappato su rigore a quattro minuti dalla fine un pareggio alla capolista il mio spirito potrebbe essere abbastanza basso, ma per quanto riguarda la Slovenia non dovete assolutamente preoccuparvi. La squadra era scarsa, non per niente ha cominciato gli Europei con cinque giocatori su 12 senza contratto, poteva fare bene solo giocando ispirata in attacco e al 120% in difesa, l’ha fatto a Zagabria, non è riuscita a farlo a Lille contro una squadra più o meno del suo valore che invece la giornata l’ha pescata giusta e ha perso per una volta tanto del tutto meritatamente, senza alcun tipo di recriminazioni. Forse un piccolo rammarico resta, perché se fosse riuscita per miracolo a qualificarsi per il Preolimpico recuperando Goran Dragić (classe '86), Vidmar ('87), Domen Lorbek ('85) e uno dei due Murić ('90 – tanto per ribattere a un commento acido che avevo letto dopo Italia-Slovenia di Capodistria che diceva che agli sloveni in realtà non mancava nessuno di importante, perché erano comunque tutti bolliti), avrebbe magari potuto covare qualche speranziella, però quel che è stato è stato e, ripeto, era più o meno nell'ordine naturale delle cose. 

Europei 2015 - Commento 6

Dopo averlo severamente redarguito devo fare un plauso a Edoardo che mi ha risparmiato il lavoro, dando lui le coordinate giuste per risalire al pezzo nel quale parlavo di statistiche. Ieri ero troppo arrabbiato per fare i distinguo giusti: dovevo puntualizzare quella che è in effetti la mia posizione che è quella che il plus-minus è una puttanata galattica se si riferisce a una sola partita ed è comunque irrilevante se si tiene conto di un torneo, nel quale normalmente i giocatori giocano più o meno sempre con gli stessi, ma abbastanza equivalenti compagni, e dunque vale sicuramente qualcosa di più, ma non può certo dire moltissimo visto che non tiene in conto gli avversari contro i quali si è giocato. Sui grandi numeri, come tutte le leggi statistiche dicono, i valori cominciano a essere rilevanti, su questo non ci piove e non l’ho mai messo in dubbio.

Europei 2015 - Commento 5

Quel che è troppo, è troppo. Quando poi sono tirato in ballo personalmente per le vostre sterili e, scusate, stupide diatribe con dialogo fra sordi e conseguenti passaggi, esaurite le argomentazioni di tipo apodittico (è così perché è così) agli insulti più volgari, allora la misura è assolutamente colma. Mi ha fatto veramente male leggere da qualcuno che sarei io quello che fa tacere coloro che non la pensano come la maggior parte dei frequentatori di questo blog per far in modo che prevalgano le opinioni di coloro che sostengono le mie tesi. Tutto sopporto, ma non i falsi facilmente documentabili. Basta ritornare infatti al post nel quale esortavo soprattutto Edoardo a non rispondere agli interventi incensatori delle magnifiche e rutilanti somme qualità del basket di Oltreoceano per fare in modo che questo vomitevole andazzo finisse una buona volta per tutte. La gentile richiesta di non continuare a parlare dell’NBA (tutti! non solo i suoi talibani) è venuta dopo. E’ assolutamente offensivo pensare che io possa sentire il bisogno di venir incensato e che goda nell’avere un codazzo di cortigiani accondiscendenti. Chi mi conosce di persona per le varie sconvenscion non potrà che confermarlo. Del resto, se in tutti questi anni ho voluto per libera scelta rimanere a TV Capodistria con gratificazioni sia finanziarie che di esposizione mediatica incomparabilmente minori che se non  fossi andato a lavorare in qualche grande TV, una ragione pur ci sarà. Comunque complimenti: non pensavo che alla mia età qualcosa potesse ancora pungermi tanto sul vivo.

Europei 2015 - Commento 4

Ieri ero in turno per il Tg, per cui, con gli impegni che mi sono preso, compresa la rubrica quotidiana per il Primorski Dnevnik, quotidiano della minoranza slovena, ho avuto una giornata da incubo. Nel pomeriggio ho sofferto per la Slovenia che dopo aver preso anche 16 punti di vantaggio sull'Olanda dominando in lungo e in largo ha avuto nel secondo tempo un black out totale, per cui alla fine ha vinto per il rotto della cuffia (ed era il match chiave di tutto il girone!). Dopo questo lavoro ai fianchi torno a casa, imposto la registrazione su MySky della partita dell'Italia e vado al consueto torneo settimanale di bridge. Torno a casa poco prima dell'una di notte imbufalito per la sfiga cosmica che mi ha perseguitato per tutto il torneo con avversari che fra le altre cose mi stampano un 3SA assurdo su una divisione 4-4, una 3-3 e un'impasse (i bridgisti mi capiranno) e, vista l'adrenalina che ancora mi pervade le vene, mi metto davanti alla TV e mi guardo la partita. A un dato momento sono sicuro di essermi addormentato e di stare sognando. L'Italia sta infatti giocando esattamente come pensavo dovesse giocare, in breve non facendo cazzate con palleggi insistiti e menaggi del torrone vari, ma cercando gli uomini giusti per il tiro, difendendo come Dio comanda, soprattutto con i piccoli che tengono l'1 contro 1, cosa dico tengono, distruggono le guardie spagnole che non sanno neanche come si chiamano (Aradori su quell'odioso montato di Rudy è una delizia) lasciando Gasol in 1 contro 1 giustamente, in quanto anche se lui segna sempre, quando gli altri non lo fanno, da solo non può vincere, ma soprattutto con la filosofia che propugnavo da prima che cominciasse il ritiro, quella cioè di giocare per fare un punto in più piuttosto che non per farne fare agli avversari uno in meno. Del resto 105 a 98 mi permetterete che non è proprio un risultato da terzo millennio. Chi mi conosce sa benissimo quanto un risultato del genere con difese che si danno da fare sia da me accettato con entusiasmo. Incredibilmente per una volta tanto i giocatori in campo fanno esattamente quello che sanno fare meglio e non vogliono far cose che non sanno fare. Insomma un gran bel vedere. Certo, poi nel secondo tempo a Belinelli si presentano tutte le visioni celestiali conosciute, da Fatima a Lourdes, e mette dentro tutto quello che tira, non solo, ma passa la palla ai lunghi che tagliano (finalmente!!), Gallinari sembra Larry Bird dei tempi d'oro non sbagliando tiro, stando sempre dove deve stare, facendo giocare la squadra da play avanzato, insomma fa esattamente quello che speravo facesse, gli altri si adeguano e esattamente ognuno porta il suo mattone fondamentale. Dopo essermi accertato di non aver sognato e dopo aver notato con altrettanta soddisfazione che la Slovenia di calcio è riuscita, pur in una partita infame, a infilare un gollonzo nella porta dell'Estonia, per cui almeno gli spareggi per andare agli Europei dovrebbero esserci, vado contento a dormire finalmente rilassato.

Europei 2015 - Commento 3

Il tema del giorno purtroppo porta a far sì che mi tocca mettermi nella situazione di quello che predica bene e razzola male. Ebbene sì, devo parlare di NBA. Premessa: cari Vittorio, Manuel e Roluk, visto che quello che sto per scrivere vi farà venire le convulsioni, promettetemi di commentare una sola volta quello che sto per esporre senza poi ribattere a tutti coloro che sono nella mia stessa banda di frequenze, in quanto comunque sappiamo ad abundantiam come la pensate. Promesso? Per favore.

Europei 2015 - Commento 2

La fiducia è sicuramente una gran bella cosa e la speranza è l’ultima a morire, come dicono. Certo è che ce ne vuole di enorme, di fiducia, e sconfinata, di speranza, per pensare che l’Italia che abbiamo visto nelle prime due giornate di questo Europeo possa andare agli ottavi di finale. Onestamente quello che ha detto qualcuno di voi che mi leggete sul fatto che sia la Spagna che soprattutto la Germania, per non parlare della Serbia, siano battibili e che ce la si possa ancora fare mi sembrano il classico “wishful thinking”. Qualcuno ha detto che Serbia-Germania è stata una brutta partita, giocata male. Alla faccia! A me è sembrata una grande partita con i tedeschi che hanno fatto il possibile e che la Serbia non abbia affatto giocato con la puzza sotto il naso, ma che, stante la giornata catastrofica al tiro, abbia dovuto tirare fuori tutti gli attributi per portare a casa il risultato. Nowitzki ha fatto esattamente tutto quello che da un veterano del basket al massimo livello, giunto nei pressi del capolinea, si possa pretendere. Non ha forzato, ha giocato per la squadra, si è fatto sentire in panchina, alla fine ha avuto la lucidità di riaprire per Schaffartzik per la tripla che, magata di Bijelica a parte, aveva praticamente portato i tedeschi al supplementare.

Altri articoli...

  1. Europei 2015 - Commento 1
  2. NBA non ti vorrei
  3. Le partite delle stelle
  4. Articolo femminile
  5. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  6. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  7. Da Cleveland alla sconvenscion
  8. L'accento su Lebron
  9. Che perda il migliore...
  10. Una primavera del basket
  11. Fisico e fisica
  12. Tiro dritto
  13. Una lega dell'oro
  14. Non sgombriamo il campo
  15. A interesse zero
  16. Brutta copia
  17. La sorpresa e la difesa
  18. Attrazione esotica
  19. Mondiali medievali
  20. Mettiamo le cose in regola
  21. Il basket preso a calci
  22. Annuncio: Sconvenscion
  23. No se pol veder
  24. La fortuna e avere Blatt
  25. Incontro reale
  26. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  27. L'ultima classifica
  28. Stufato di basket
  29. Sport, gioco e lavoro
  30. Blog Olimpico Sochi - 3
  31. Blog Olimpico Sochi - 2
  32. Blog Olimpico Sochi - 1
  33. Un salto alle Olimpiadi
  34. Le 3 leggi della telecronistica
  35. Due sport e tre auguri diversi
  36. Sudoku sulla luna
  37. Che passi l'angoscia
  38. Sport sano in mente sana
  39. Non di solo basket
  40. Un'altra storia
  41. Omogeneizzato di basket
  42. L'estasi della finale
  43. (Mini) Commento Europei 18
  44. (Mini) Commento Europei 17
  45. (Mini) Commento Europei 16
  46. Commento Europei 15
  47. Commento Europei 14
  48. Commento Europei 13
  49. Commento Europei 12
  50. Commento Europei 11
  51. Commento Europei 10
  52. Commento Europei 9
  53. Commento Europei 8
  54. Commento Europei 7
  55. Commento Europei 6
  56. Commento Europei 5
  57. Commento Europei 4
  58. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  59. Commento Europei 2
  60. Commento Europei 1
  61. L'attacco che fa la musica
  62. In diretta (?) da Capodistria
  63. Povera Italia
  64. La Cattiva Germania
  65. Non di solo doping vive l'uomo...
  66. Il mostro della sconvention
  67. Annuncio sconvenscion
  68. La morte di Dražen
  69. Smodiš, buon lavoro!
  70. La squadra in testa
  71. Giocare a basket
  72. L'accento sulla zona
  73. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  74. Senza (dis)soluzione
  75. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  76. In nome del basket
  77. Coach di mestiere
  78. Iguanodonte ostrogoto
  79. Ritorno al futuro
  80. Statisticamente significativo
  81. Istruttori e distruttori
  82. Estrazione a morte
  83. Bastardi di tutto il mondo
  84. Polonarač
  85. La teoria dell'Eurolega
  86. Aperitivo sotto canestro
  87. Tasse ed Europa
  88. ANNUNCIO
  89. Dio salvi la Gallina
  90. Un passo indietro
  91. Allenando con le stelle
  92. Blog Olimpico - 17
  93. Blog Olimpico - 16
  94. Blog Olimpico - 15
  95. Blog Olimpico - 14
  96. Blog Olimpico - 13
  97. Blog Olimpico - 12
  98. Blog Olimpico - 11
  99. Blog Olimpico - 10
  100. Blog Olimpico - 9
  101. Blog Olimpico - 8
  102. Blog Olimpico - 7
  103. Blog Olimpico - 6
  104. Blog Olimpico - 5
  105. Blog Olimpico - 4
  106. Blog Olimpico - 3
  107. Blog Olimpico - 2
  108. Blog Olimpico - 1
  109. Calma pre-olimpica
  110. Parole giovani
  111. Basket di 20 anni
  112. Cose umane
  113. Tecnica-mente parlando
  114. Lo fattore Q
  115. Mistero Buffo-n
  116. I campioni (dei) superlativi
  117. Pianto greco
  118. Cartoni Rossi
  119. Non dire quattro...
  120. Incontro toscano a Sansepolcro
  121. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  122. Un gioco da ragazze
  123. Ci play o non ci sei?
  124. Fak, the college basketball!
  125. Gli amanti del fallo
  126. Linsanity? Lin's sanity!
  127. I due talenti
  128. Talento contrario
  129. Spazi d'altri tempi
  130. Gemelli diversi
  131. Canestro sotto l'albero
  132. Lezioni dimenticate
  133. Prima che il Gallo canti...
  134. Questione di maneducazione
  135. Ci vuole un fisico bestiale?
  136. Pian e ben!
  137. Testa di calcio
  138. Fenomeni a casa loro
  139. Macerie e Maccabi
  140. Canestro in buca
  141. Vecchia pura Macedonia...
  142. Los pronosticos optimistas
  143. Una manovra correttiva per l'Italia
  144. Europei in giapponese
  145. Ancora sugli Europei
  146. Campionati eVropei
  147. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  148. Nuotatori emergenti
  149. Dalla Danimarca alla Georgia
  150. Mi pronuncio così!
  151. Giovani, donne e il tennis di una volta
  152. Se Atene piange...
  153. L'Italia slovena e il tedesco americano
  154. La responsabilità di crescere
  155. Prima e doping
  156. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  157. L'urlo di Obradović
  158. Coach e analisi di un fenomeno...
  159. Presentazione Libro
  160. Carte in regola
  161. Statistiche e bugie
  162. Rivedo un buon basket
  163. Le formule dell'imbecillità
  164. Contatto cattivo
  165. La minoranza è ovunque
  166. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  167. Morale a fondo
  168. Lezione di tango
  169. Per forza o per amore
  170. Comandi, sior paron!
  171. Il sorteggio delle regole
  172. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  173. Giovani e Vecchi(ato)
  174. Impatto zero
  175. Dober Dan
  176. Pensieri di Natale
  177. Operazione Eurolega
  178. Fate partire la musica!
  179. Un basket diverso?
  180. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  181. La storia di Fragolino
  182. Non vengo anch'io
  183. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  184. Telecronisti radioattivi
  185. Fondamenta superficiali
  186. Un gioco da ragazzi
  187. Giovani a parole
  188. Errori e non errori
  189. Pallacanestro all'italiana
  190. I magnifici sette
  191. L'infranto sogno americano
  192. Time out
  193. Presentazione del libro a Trieste
  194. In difesa dell'attacco
  195. All'attacco, finchè Durant
  196. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  197. Gioco di parole
  198. Giocatori con-vincenti
  199. Fisicamente impossibile
  200. Il paio di Siena
  201. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  202. S'ciavi
  203. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  204. Grazie di stomaco
  205. Schemi mentali
  206. Poco Gentile con Rubio
  207. Piano col Brasile...
  208. Rivoluzione francese
  209. Un grande futuro alle spalle
  210. 4 punti da segnare
  211. Presentazione del libro