Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Leggete quello che scrivo?

Leggendo i commenti a quanto scrivo ho notato che praticamente tutto quanto è di interessante e stimolante in fatto di discussione avviene entro i primi 15-20 commenti, dopo di ché comincia il solito balletto di botte e risposte fra l’incallito Edoardo e il suo altrettanto incallito manipolo di denigratori che sembrano attendere solamente un pretesto qualsiasi per dargli contro con l’aggravante che ognuno cita i commenti degli altri, per cui si spreca uno spazio esorbitante per riportare quanto magari scritto nel post sopra con ciò appesantendo ancora di più un battibecco sterile come tutti i battibecchi che vengono messi in piedi a prescindere, per la semplice ragione che qualcuno non è simpatico a qualcun altro. È solo ovvio che una cosa del genere è totalmente illeggibile ed è pertanto altrettanto comprensibile che tutta una schiera di commentatori della prim’ora si sia stufata di partecipare, tanto si sa come va a finire. Per esempio avete dato un’occhiata a quanto da me scritto nell’ultimo post e avete fatto un paragone con quanto viene “dibattuto” negli ultimi commenti? Trattasi di cose del tutto diverse che nello svolgimento del “dibattito” (sempre fra virgolette, perché di tutto si tratta meno che di un dibattito, perché questo presuppone che ci siano opinioni a confronto e non una continua proposizione delle stesse cose da parte di ognuno) ricordano tantissimo il famoso giochino del telefono senza fili che si faceva da bambini, o per quelli che fanno la Settimana Enigmistica il famoso gioco del Bersaglio, dove partendo da una parola si arriva dopo una serie di passaggi a tutt’altra cosa.

La Scempio League della FIBA

Domani comincia l’NBA. E allora è il momento giusto per parlare di tutto altro, se non altro per provare a spiazzare tutti quelli che vorrebbero che questo spazio fosse come tutti quanti gli altri di basket dedicato all’NBA. Mi appello a tutti quelli che come a me l’NBA non potrebbe essere interessare di meno perché si facciano vivi e provino a far sì che questo spazio sia più o meno “NBA free”. O, in subordine, provino a non rispondere ai soliti trolls che sicuramente proveranno come sempre pervicacemente a spostare il dibattito su quanto succede nell’NBA, continuando anche a decantarne le sublimi doti, suscitando così come sempre succede le convulsioni all’autore di queste righe quando scorre i commenti a quanto lui scrive.

La Slovenia si è messa in moto

Posta arretrata. I tre secondi difensivi sono dal mio punto di vista, prendendola proprio filosoficamente ragionando sullo spirito ultimo di ogni gioco di squadra, la puttanata più gigantesca che mai sia stata inventata. Ogni gioco di squadra prevede che la squadra in difesa abbia tutte le possibilità legali per impedire alla squadra in attacco di segnare (gol, canestri, schiacciate…) e che l’attacco debba confrontarsi con qualsiasi tipo di difesa gli venga proposta per venirne a capo. Nella pallamano esiste la linea dei sei metri per ovvie ragioni di intasamento e per dare al portiere una possibilità qualsiasi di difendersi su tiri che vengono scoccati con le mani, dunque con gli arti incomparabilmente più abili e precisi che abbiamo. Nella pallacanestro non si tratta di far gol, ma di buttare la palla a canestro. Tutto qua. Per cui dire alla difesa come deve muoversi, con l’attacco che ha già comunque la netta prevalenza, sia perché tratta la palla con le mani, ma soprattutto perché il bersaglio è in alto e per impedire di centrarlo le armi in mano alla difesa sono incomparabilmente minori (e, come visto alle Olimpiadi, contro gente di 2 metri e 10 che segna da metà campo non c’è difesa che tenga), escogitare una regola che favorisce ulteriormente l’attacco per fare più spettacolo (e basta, ragioni tecniche vere non ce ne sono) è per me stomachevole. Uno è in area e la intasa? Bene, vuol dire che il suo uomo è da qualche parte liberissimo per tirare. Non è quello che vogliamo, in realtà? Battezziamo un non tiratore? Peggio per l’attacco. Che metta in campo uno che ci prende. Non può piangere che l’altro non lo marca se non segna. Cavoli suoi, non del difensore. No, è una regola stupida, idiota e contraria allo spirito del gioco.

Diamoci una regolata

Quanta carne al fuoco! Intanto una precisazione sul mio lungo e discussissimo excursus, diciamo così, genetico (anche se di genetico, per chi ha letto bene, non ha proprio nulla). Leggendo l’appunto di vincentvega con una cortese, ma precisa domanda, e rileggendo quanto da me scritto ho visto con raccapriccio di aver scritto una grossa cazzata. Nel senso che da quanto ho scritto si evince che io propugni l’idea che sia stata fatta ad arte una selezione artificiale da parte dei padroni degli schiavi e che ci sia una grande letteratura nel merito.Non può essere ovviamente vero, tenendo sempre in mente l’atteggiamento che si aveva verso gli schiavi all’epoca come praticamente subumani, per cui sarebbe stato strano che qualcuno si fosse preso la briga di immischiarsi in cose che in realtà non gli fregavano. La letteratura si riferisce ovviamente a tutte le storie, anche letterarie, filmate, di canzoni popolari (Leadbelly eccetera) sul periodo della schiavitù negli Stati Uniti che è, penso, ormai sviscerato in tutti i suoi aspetti.

Rendendomi conto comunque di non essermi spiegato chiedo scusa e abbandono definitivamente l’argomento. Anche perché mi rendo conto che il mio pensiero è stato totalmente stravolto. Quello che mi sembra indiscutibile è semplicemente che, come Mendel insegnava, quando si mescolano geni molto buoni, quello che ne esce non può essere male. E se a mescolarsi sono per generazioni geni di persone selezionate non dalla natura, ma da calamità artificiali prodotte da altri esseri umani, quello che ne esce alla fine non può che essere molto buono. Cosa che abbiamo fra l’altro sotto gli occhi in modo lampante. O contestate anche questo?

Intanto un grazie di cuore a Paolo per aver compreso perfettamente le mie ambasce e avermi ulteriormente spronato alla mia irrevocabile (che poi revoco, io mona, ogni volta) decisione di lasciar perdere coloro che pervicacemente tentano di convertire all’unico Verbo cestistico che ci sia, quello dell’NBA, gli infedeli che non ci stanno. Ma che soprattutto ringrazio per avermi accomunato addirittura a una somma penna del giornalismo italiano quale Gianni Clerici (che leggevo avidamente già da piccolo quando scriveva per il Giorno – ricordo che quasi piansi leggendo la sua descrizione della sconfitta di Pietrangeli al quinto set di una semifinale di Wimbledon contro l’allora dominante Laver). E’ perfettamente esatto: nel mio piccolo propugno nel basket quanto lui da secoli afferma per il tennis. Đoković potrà anche battere Laver 6-0, 6-0, ma un match Laver-Rosewall vale in una vita di appassionato di tennis da solo tutti i grandi scontri al vertice di quest’ultimo secolo. Come lo capisco!

Che razza di basket

Prima di rispondere a un paio di domande molto interessanti che mi sono state poste qualche sassolino fuori dalle scarpe. Lo giuro, ne parlo per l’ultima volta, perché evidentemente dire milioni di volte la stessa cosa con il risultato fisso e sconfortante di avere la netta impressione di parlare a gente sorda perché semplicemente non vuole sentire è molto frustrante. Che però a me, asino, il bue mi dia del cornuto questo proprio non lo posso digerire. Prendo a esempio il post di Stefano, uno che se non altro mi si è rivolto in tono cortese e educato, cosa che apprezzo tantissimo (anche se poi nel finale ha sbracato un po’, ma è comprensibile…). Se per caso viene dalle mie parti sarei molto contento di andarci a bere assieme una birra dicendoci tutto faccia a faccia (l’unico modo che concepisco per parlare con le persone, per questo mi piacciono tanto le sconvenscion), magari insultandoci a vicenda per poi bere la birra della staffa. Sono ormai più di sei anni che esiste questo blog e non ricordo l’infinità di volte che ho tentato di spiegare a suon di argomenti perché l’attuale NBA non mi piaccia per niente, Fondamentalmente le ragioni a mio avviso sono due: la grandissima popolarità creata a suon di merchandising e propaganda che ne ha fatto uno spettacolo a volte fine a se stesso, cosa che poi rende molto difficile riacquistare la mentalità giusta quando le partite si fanno importanti, ma soprattutto perché il reclutamento ha perso ogni aggancio con il basket propedeutico e formativo dei college. E il divario stridente fra il gioco degli americani uomini e delle americane in queste Olimpiadi è per me la prova definitiva di quanto supposto. Le prove sono lì, basta avere l’onestà intellettuale di considerarle. Per quanto mi ricordo l’ultimo senior prima scelta è stato Tim Duncan ancora profondamente nel secolo scorso, non proprio l’ultimo scemo, e infatti per tutta la carriera è stato un manuale di tecnica e concretezza. Poi solo balzi, direttamente dal liceo per i più forti, da Kobe a Lebron, massimo dopo un anno tipo Melo e via dicendo.

 

Il vero basket è quello USA (ma non quello che pensate voi...)

Per cominciare innanzitutto mi scuso con chi avrebbe avuto voglia di sentire le mie opinioni olimpiche per farmi vivo solo adesso. Le ragioni sono molteplici: alcune, diciamo così, strutturali, altre contingenti. Quella strutturale fondamentale l’ha individuata molto bene Franz nel suo lungo contributo che mi vede fra l’altro d’accordo al 99% (non dico 100 per non dargli troppa soddisfazione): leggendo i commenti che venivano via via postati e che hanno visto un profluvio di trionfanti peana da parte degli estremi adoratori del basket NBA che purtroppo continuano a voler creare proseliti su questo sito invece di sbrodolarsi sui siti occupati dai loro simili e che sono riusciti a far tacere a suon di bombardanti contro-commenti in stereofonia tutti coloro che volevano in qualche modo ragionare (a parte Edoardo che, mi scuserà, ma più di qualche volta si mette sul loro stesso piano con ciò solo dando fuoco a ulteriore benzina), mi è semplicemente passato qualsiasi tipo di voglia. Io spero che i silenziati siano solo dormienti e che continuino a leggere quanto scrivo perché in questo modo posso sperare di non essere da solo sul mio pianeta che, mi sembra, sia sempre più su qualche lontana galassia, visti i commenti anche su autorevoli giornali che mi danno la straniante percezione di aver visto tutt’altra cosa rispetto a quella che è stata, almeno nella percezione comune. Mi consolo un po’ pensando che durante le Olimpiadi tutti si ritengono esperti di tutto, di tiro con l’arco, di judo, di badminton, per cui si ritengono anche esperti di basket pur avendo visto solo qualche partita di tanto in tanto, ma come consolazione è estremamente magra, se quella che ho percepito è la sensazione generale su cosa sia e dove stia andando il basket attuale.

Il doping in fumo

Un breve intermezzo per mettere alcune cose in chiaro, visto che l’argomento è serio e sono contento che ve ne rendiate tutti conto e ne siate preoccupati. Alcuni commenti all’ultimo post non mi sono piaciuti, ma non certo per colpa vostra, visto che quanto ho scritto poteva essere interpretato come una mia ammissione che la lotta al doping sia senza speranza e che dunque tanto varrebbe legalizzarlo.

Un’idea del genere è quanto di più lontano possa esserci dalla mia mentalità. Quello che volevo sottolineare nel mio intervento precedente è che sull’argomento c’è più che un velo uno spesso strato di ipocrisia falso-buonista che ricopre tutto e che fa ragionare la maggior parte della gente per stereotipi con ciò ottemperando al meglio a quanto i fautori della “Nacht und Nebel” (uso apposta questa espressione forte di sinistra memoria per ribadire che a mio avviso si tratta di criminali tout court) si propongono, cioè di ammantare tutto il discorso in un velo di nebbia e frasi fatte e di creare così una perfetta arma di distrazione di massa. Insomma mi premeva di fare una fotografia intanto per fissare le cose come sono e per poter dunque cominciare a ragionare partendo dalla situazione reale e non da quella edulcorata e melensa che ci propongono i media, soprattutto quelli che sono molto vicini alle stanze del potere sportivo.

Altri articoli...

  1. È Stato il doping
  2. ...che si credono aquile
  3. Da Praprot a Messina
  4. Specialmente due
  5. Chi ha fifa della FIBA?
  6. Basket vs basket
  7. StrampaLLato!
  8. Filosofia materiale
  9. Saltiamo in Slovenia
  10. Stelle cadenti
  11. Giusto o sbagliato
  12. Sfogo sulla pelle
  13. Annuncio Sconvenscion - Aggiunta
  14. Annuncio Sconvenscion
  15. Europei 2015 - Commento 13
  16. Europei 2015 - Commento 12
  17. Europei 2015 - Commento 11
  18. Europei 2015 - Commento 10
  19. Europei 2015 - Commento 9
  20. Europei 2015 - Commento 8
  21. Europei 2015 - Commento 7
  22. Europei 2015 - Commento 6
  23. Europei 2015 - Commento 5
  24. Europei 2015 - Commento 4
  25. Europei 2015 - Commento 3
  26. Europei 2015 - Commento 2
  27. Europei 2015 - Commento 1
  28. NBA non ti vorrei
  29. Le partite delle stelle
  30. Articolo femminile
  31. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  32. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  33. Da Cleveland alla sconvenscion
  34. L'accento su Lebron
  35. Che perda il migliore...
  36. Una primavera del basket
  37. Fisico e fisica
  38. Tiro dritto
  39. Una lega dell'oro
  40. Non sgombriamo il campo
  41. A interesse zero
  42. Brutta copia
  43. La sorpresa e la difesa
  44. Attrazione esotica
  45. Mondiali medievali
  46. Mettiamo le cose in regola
  47. Il basket preso a calci
  48. Annuncio: Sconvenscion
  49. No se pol veder
  50. La fortuna e avere Blatt
  51. Incontro reale
  52. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  53. L'ultima classifica
  54. Stufato di basket
  55. Sport, gioco e lavoro
  56. Blog Olimpico Sochi - 3
  57. Blog Olimpico Sochi - 2
  58. Blog Olimpico Sochi - 1
  59. Un salto alle Olimpiadi
  60. Le 3 leggi della telecronistica
  61. Due sport e tre auguri diversi
  62. Sudoku sulla luna
  63. Che passi l'angoscia
  64. Sport sano in mente sana
  65. Non di solo basket
  66. Un'altra storia
  67. Omogeneizzato di basket
  68. L'estasi della finale
  69. (Mini) Commento Europei 18
  70. (Mini) Commento Europei 17
  71. (Mini) Commento Europei 16
  72. Commento Europei 15
  73. Commento Europei 14
  74. Commento Europei 13
  75. Commento Europei 12
  76. Commento Europei 11
  77. Commento Europei 10
  78. Commento Europei 9
  79. Commento Europei 8
  80. Commento Europei 7
  81. Commento Europei 6
  82. Commento Europei 5
  83. Commento Europei 4
  84. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  85. Commento Europei 2
  86. Commento Europei 1
  87. L'attacco che fa la musica
  88. In diretta (?) da Capodistria
  89. Povera Italia
  90. La Cattiva Germania
  91. Non di solo doping vive l'uomo...
  92. Il mostro della sconvention
  93. Annuncio sconvenscion
  94. La morte di Dražen
  95. Smodiš, buon lavoro!
  96. La squadra in testa
  97. Giocare a basket
  98. L'accento sulla zona
  99. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  100. Senza (dis)soluzione
  101. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  102. In nome del basket
  103. Coach di mestiere
  104. Iguanodonte ostrogoto
  105. Ritorno al futuro
  106. Statisticamente significativo
  107. Istruttori e distruttori
  108. Estrazione a morte
  109. Bastardi di tutto il mondo
  110. Polonarač
  111. La teoria dell'Eurolega
  112. Aperitivo sotto canestro
  113. Tasse ed Europa
  114. ANNUNCIO
  115. Dio salvi la Gallina
  116. Un passo indietro
  117. Allenando con le stelle
  118. Blog Olimpico - 17
  119. Blog Olimpico - 16
  120. Blog Olimpico - 15
  121. Blog Olimpico - 14
  122. Blog Olimpico - 13
  123. Blog Olimpico - 12
  124. Blog Olimpico - 11
  125. Blog Olimpico - 10
  126. Blog Olimpico - 9
  127. Blog Olimpico - 8
  128. Blog Olimpico - 7
  129. Blog Olimpico - 6
  130. Blog Olimpico - 5
  131. Blog Olimpico - 4
  132. Blog Olimpico - 3
  133. Blog Olimpico - 2
  134. Blog Olimpico - 1
  135. Calma pre-olimpica
  136. Parole giovani
  137. Basket di 20 anni
  138. Cose umane
  139. Tecnica-mente parlando
  140. Lo fattore Q
  141. Mistero Buffo-n
  142. I campioni (dei) superlativi
  143. Pianto greco
  144. Cartoni Rossi
  145. Non dire quattro...
  146. Incontro toscano a Sansepolcro
  147. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  148. Un gioco da ragazze
  149. Ci play o non ci sei?
  150. Fak, the college basketball!
  151. Gli amanti del fallo
  152. Linsanity? Lin's sanity!
  153. I due talenti
  154. Talento contrario
  155. Spazi d'altri tempi
  156. Gemelli diversi
  157. Canestro sotto l'albero
  158. Lezioni dimenticate
  159. Prima che il Gallo canti...
  160. Questione di maneducazione
  161. Ci vuole un fisico bestiale?
  162. Pian e ben!
  163. Testa di calcio
  164. Fenomeni a casa loro
  165. Macerie e Maccabi
  166. Canestro in buca
  167. Vecchia pura Macedonia...
  168. Los pronosticos optimistas
  169. Una manovra correttiva per l'Italia
  170. Europei in giapponese
  171. Ancora sugli Europei
  172. Campionati eVropei
  173. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  174. Nuotatori emergenti
  175. Dalla Danimarca alla Georgia
  176. Mi pronuncio così!
  177. Giovani, donne e il tennis di una volta
  178. Se Atene piange...
  179. L'Italia slovena e il tedesco americano
  180. La responsabilità di crescere
  181. Prima e doping
  182. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  183. L'urlo di Obradović
  184. Coach e analisi di un fenomeno...
  185. Presentazione Libro
  186. Carte in regola
  187. Statistiche e bugie
  188. Rivedo un buon basket
  189. Le formule dell'imbecillità
  190. Contatto cattivo
  191. La minoranza è ovunque
  192. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  193. Morale a fondo
  194. Lezione di tango
  195. Per forza o per amore
  196. Comandi, sior paron!
  197. Il sorteggio delle regole
  198. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  199. Giovani e Vecchi(ato)
  200. Impatto zero
  201. Dober Dan
  202. Pensieri di Natale
  203. Operazione Eurolega
  204. Fate partire la musica!
  205. Un basket diverso?
  206. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  207. La storia di Fragolino
  208. Non vengo anch'io
  209. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  210. Telecronisti radioattivi
  211. Fondamenta superficiali
  212. Un gioco da ragazzi
  213. Giovani a parole
  214. Errori e non errori
  215. Pallacanestro all'italiana
  216. I magnifici sette
  217. L'infranto sogno americano
  218. Time out
  219. Presentazione del libro a Trieste
  220. In difesa dell'attacco
  221. All'attacco, finchè Durant
  222. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  223. Gioco di parole
  224. Giocatori con-vincenti
  225. Fisicamente impossibile
  226. Il paio di Siena
  227. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  228. S'ciavi
  229. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  230. Grazie di stomaco
  231. Schemi mentali
  232. Poco Gentile con Rubio
  233. Piano col Brasile...
  234. Rivoluzione francese
  235. Un grande futuro alle spalle
  236. 4 punti da segnare
  237. Presentazione del libro