Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

SqualiFibateci!

Finito il bellissimo giro d’Italia (a parte il fenomeno con la moto che ha distrutto la Sky) i pomeriggi ritornano ad essere più o meno liberi, per cui qualche commento. Sulla presa di posizione dell’ULEB o come cavolo si chiamano adesso in merito alla disponibilità dei giocatori per le qualificazioni delle nazionali penso di aver detto tutto già tempo fa nel pezzo che ho dedicato proprio a questo problema. Ripeto: l’idea balzana di base è che la FIBA Europe pensi di avere il controllo del basket di club europeo come ce l’ha l’UEFA nel calcio con la sua faraonica Champions’ League che distribuisce barche di soldi secondo una chiave che è secondo me molto equilibrata: tantissimi soldi alle grandi realtà, ma anche spiccioli, che per le loro dimensioni sono vere e proprie iniezioni di importanti contanti, alle realtà minori, segnatamente ai Campioni degli stati più piccoli e poveri. Ne parlo con cognizione di causa, perché è bastata una sola apparizione nella fase a gironi della Champions’ League per far sì che in Slovenia il Maribor abbia attualmente una struttura societaria e mezzi che sono anni luce avanti a quelli degli altri club sloveni.

Divaghiamo alla sconvenscion

Devo dire che sono molto contento di come si stanno mettendo le cose. Mi sembra di poter dire che la novità del “numero chiuso” ha riscosso l’approvazione di tutti voi ai quali tengo, per cui penso che d’ora in poi tutto quanto sarà più tranquillo, costruttivo e, perché no, divertente.

Intanto qualche numero, se vi interessa. Fino a questo momento, avendo segato tutti i vari zzzax£@zw6ky.com che si presentano in automatico, hanno chiesto la registrazione in 47, numero che onestamente non pensavo potesse essere così ampio, e ho dato l’accesso a tutti meno uno che lascio alla vostra fervida immaginazione divinare chi possa essere stato (però…ce ne sono di facce di bronzo al mondo per avere il coraggio di chiedere l’accesso!).

Dai vostri commenti mi sono inoltre reso conto che le mie istruzioni per l’uso, proprio per la volontà di essere chiare e perentorie, sono apparse anche un tantino minacciose, per cui mi siete apparsi tutti un tantino stremiti. Rispondo subito a Andrea-Go assicurandogli che, se divaga come aveva fatto in passato, veramente non c’è problema. So benissimo che fra un pezzo e l’altro possono succedere cose che sono interessanti e sulle quali si può discutere e commentare, per cui da questo punto di vista non ci sono assolutamente diktat di sorta. Quello che mi dà fastidio e che perseguirò spietatamente sono gli agganci fatti in modo forzoso per portare avanti tesi proprie su temi che non sono stati toccati e che soprattutto il sottoscritto non ha nessun interesse a toccare. Con l’aggravante che poi proprio su questi stucchevoli temi nel passato si innestava una lite feroce con tanto di insulti. Ecco, questo non voglio che succeda nel mio blog. Per il resto mi sembra che siate stati un tantino troppo imbalsamati nei vostri primi commenti, per cui spero che d’ora in poi le cose diventino più rilassate e, perché no, anche divaganti quando le divagazioni possono portare sale e pepe alla discussione.

Procediamo con moderazione

Come prima cosa istruzioni per l’uso. Chi vorrà commentare dovrà dapprima registrarsi, dopo di ché il sottoscritto deciderà se sarà abilitato a commentare. Per principio questa fase dovrebbe essere una formalità, ma…il sottoscritto avrà anche accesso a una lista di tutti i registrati e se qualcuno dovesse scrivere cazzate o andare fuori tema o ancora imbarcarsi in qualche classica polemica fatta di insulti sarà disabilitato con un semplice clic. Potrà ovviamente sempre ri-registrarsi e se si sarà ravveduto nessuno più contento di me. Se però dovesse pervicacemente continuare nell’andazzo la condizionale sarebbe sospesa e l’esclusione diverrebbe permanente.

Per partecipare le regole sono dunque:

1) attenersi al tema e fare le proprie considerazioni facendo in modo di mettere sul piatto argomenti magari non trattati o trattati superficialmente per contribuire alla discussione e ampliare l’orizzonte anche, perché no, culturale dei partecipanti. Ovviamente sono molto ben viste argomentazioni in dissonanza con quanto detto nel pezzo, in quanto non esiste discussione se non si è in disaccordo su alcuni punti. Se tutti sono d’accordo la discussione non c’è, per cui qua non si tratta di pensiero unico, ma semplicemente di discutere nell’ambito del tema trattato per arricchirci tutti quanti.

2) non rispondere direttamente a qualcuno con l’intento di scatenare una polemica. Chi trasgredirà a questa regola sarà bandito con voluttà e fredda determinazione.

3) farsi vivi per mettere sul piatto altre cose o aprire temi nuovi sarà strettamente proibito (Edoardo! Vale soprattutto per te – sarò totalmente inflessibile. Sappi che potrò cancellare anche singoli post, per cui non tentare nemmeno). Ho la presunzione di affermare che il tema introdotto basterà e avanzerà per una proficua discussione. Digressioni verboten

Per chiudere il circo

Comincio come succede a volte per il turno TG quando dobbiamo lanciare una telecronaca che andrà in onda più tardi.

Subito un annuncio: questo è l’ultimo pezzo in chiaro su questo blog. Dopo averci lavorato sopra per un po’ di tempo con false partenze varie, il validissimo administrator Tommaso sembra abbia finalmente risolto i problemi tecnici e dal prossimo in poi i commenti saranno abilitati solamente a discrezione del sottoscritto. Ve lo avevo annunciato e non essendo una lingua biforcuta la cosa, esaurita ogni stilla di pazienza possibile, va in opera. Spero così vivamente di riuscire a risvegliare l’interesse di tutta una serie di gente che è da tempo immemorabile che non si fa più viva, dal mio amico Walter di Castelfranco a Andrea di Gorizia per non parlare di tanti altri, che davano il tono ai commenti con interventi di spessore, cosa che con il tempo non si è più vista, essendo diventato questo blog come tanti altri, nei quali la gente più che altro si insulta volendo a tutti i costi dimostrare (!? – affermare, gridare) di aver ragione. E non vedo la ragione per cui, essendo pigro di natura, dovrei sforzarmi a scrivere per gente che in realtà non mi né segue né ascolta né soprattutto si sforza di capire quello che volevo dire. 

Cambierà la musica

Piccolo intermezzo che potete saltare tranquillamente continuando a tentare di distruggere questo blog che senza dubbio, visti i toni delle continue liti fra sordi che inutilmente tento da sempre di limitare, visto che di eliminarle non se ne parla, fra poco verrà tranquillamente evitato come la peste da chi ci tiene un po’, più che al basket, alla semplice convivenza civile. A proposito, visto che in questi ormai lunghi anni mi sono creato, ho la presunzione di dirlo, in quanto ci troviamo alle sconvenscion discutendo sempre in modo intelligente, simpatico e produttivo, tanti veri e cari amici, e visto che a queste persone ci tengo, temo che, se l’andazzo non cambierà, e purtroppo non vedo come potrebbe cambiare, vista la perfida pervicacia dei troll nel tentare riuscendovi di sabotarlo, potete a breve attendervi un trasloco da qualche parte dove si potrà entrare solo previa autorizzazione del sottoscritto (quando ce vo’, ce vo’). È solo ovvio che sarete tutti benvenuti quelli (in linea di massima tutti meno tre) che, come diceva più che giustamente Andrea-Go, all’inizio facevate in modo che a scrivere sul blog fosse un vero piacere.

Non si parla di basket, si parla di musica popolare. Questi giorni sono ovviamente in lutto per la scomparsa di Chuck Berry, anche se, diciamocela tutta, arrivare fino ai 90 e morire serenamente nel proprio letto dopo il tipo di vita che si è vissuta, è impresa in realtà da sottoscrivere in anticipo a due mani, come dicono in Serbia.

Cui prodest?

È forse tempo di scrivere di nuovo qualcosa, dopo che il mio ritorno al lavoro a gomito finalmente rimesso insieme (bene, per fortuna, dicono le lastre) mi ha fatto fare un gran bel tour de force con i mondiali di sci nordico e in media una telecronaca e mezza al giorno, per cui di scrivere per il blog non avevo tempo materiale.

Detto onestamente non ne avevo neanche tanta voglia. Ho fatto una piccola analisi degli ultimi commenti, dal fondo in su. Ci sono 16 interventi di Edoardo, 11 di Manuel, 9 di paolo, 5 di enrico, 3 di roluk, intervallati solamente da una domanda posta da No Mercy, rimasta puntualmente inevasa, essendo i suddetti impegnati nel solito stillicidio di polemiche sul sesso degli angeli intervallati da contumelie e insulti vari. È chiaro che uno, in presenza di un responso talmente squallido alle cose che scrive, nelle quali crede, nelle quali mette abbastanza impegno per tentare di scrivere cose che possano stimolare una discussione vera e seria sperando di portare il suo piccolo contributo a un generale aumento della cultura cestistica e sportiva in generale, si demotiva di brutto, detto in breve gli cadono gli zebedei.

C'erano una volta i giovani

Urge post immediato per ringraziare sentitamente tutti voi che mi avete augurato una pronta guarigione, chiarendo però che dopo il crash iniziale molto spettacolare la situazione si sta pian piano normalizzando e, a parte il gomito avvitato che si muove quel tanto che può ma che non mi fa male, per il resto sono praticamente normale, cioè quello di prima (ognuno interpreti come vuole questa frase volutamente sibillina).

Ne approfitto per chiarire anche qualche concetto sui giovani promettenti che ho asserito non aver visto in A-2. Dico subito che su Moretti jr. non ho elementi sufficienti per dare un giudizio, avendolo praticamente mai visto giocare (non giocando a Bologna in TV praticamente non si vede mai), e non ho problema nel fidarmi di quanto mi dite. Del resto mi ricordo benissimo di quanto Mario Blasone fosse entusiasta di suo padre, di cui diceva che era uno dei giocatori più intelligenti che lui avesse mai allenato e che, se solo avesse avuto un fisico un tantinello più reattivo, sarebbe potuto essere uno dei migliori giocatori italiani di ogni epoca, visto come e quanto capiva di basket. E se il frutto non cade lontano dall’albero, allora non dubito che sia una grande promessa.

Altri articoli...

  1. Ricomincio ad alzare il gomito
  2. Sorpresa di Natale
  3. Per morti ma non per tutti
  4. Leggete quello che scrivo?
  5. La Scempio League della FIBA
  6. La Slovenia si è messa in moto
  7. Diamoci una regolata
  8. Che razza di basket
  9. Il vero basket è quello USA (ma non quello che pensate voi...)
  10. Il doping in fumo
  11. È Stato il doping
  12. ...che si credono aquile
  13. Da Praprot a Messina
  14. Specialmente due
  15. Chi ha fifa della FIBA?
  16. Basket vs basket
  17. StrampaLLato!
  18. Filosofia materiale
  19. Saltiamo in Slovenia
  20. Stelle cadenti
  21. Giusto o sbagliato
  22. Sfogo sulla pelle
  23. Annuncio Sconvenscion - Aggiunta
  24. Annuncio Sconvenscion
  25. Europei 2015 - Commento 13
  26. Europei 2015 - Commento 12
  27. Europei 2015 - Commento 11
  28. Europei 2015 - Commento 10
  29. Europei 2015 - Commento 9
  30. Europei 2015 - Commento 8
  31. Europei 2015 - Commento 7
  32. Europei 2015 - Commento 6
  33. Europei 2015 - Commento 5
  34. Europei 2015 - Commento 4
  35. Europei 2015 - Commento 3
  36. Europei 2015 - Commento 2
  37. Europei 2015 - Commento 1
  38. NBA non ti vorrei
  39. Le partite delle stelle
  40. Articolo femminile
  41. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  42. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  43. Da Cleveland alla sconvenscion
  44. L'accento su Lebron
  45. Che perda il migliore...
  46. Una primavera del basket
  47. Fisico e fisica
  48. Tiro dritto
  49. Una lega dell'oro
  50. Non sgombriamo il campo
  51. A interesse zero
  52. Brutta copia
  53. La sorpresa e la difesa
  54. Attrazione esotica
  55. Mondiali medievali
  56. Mettiamo le cose in regola
  57. Il basket preso a calci
  58. Annuncio: Sconvenscion
  59. No se pol veder
  60. La fortuna e avere Blatt
  61. Incontro reale
  62. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  63. L'ultima classifica
  64. Stufato di basket
  65. Sport, gioco e lavoro
  66. Blog Olimpico Sochi - 3
  67. Blog Olimpico Sochi - 2
  68. Blog Olimpico Sochi - 1
  69. Un salto alle Olimpiadi
  70. Le 3 leggi della telecronistica
  71. Due sport e tre auguri diversi
  72. Sudoku sulla luna
  73. Che passi l'angoscia
  74. Sport sano in mente sana
  75. Non di solo basket
  76. Un'altra storia
  77. Omogeneizzato di basket
  78. L'estasi della finale
  79. (Mini) Commento Europei 18
  80. (Mini) Commento Europei 17
  81. (Mini) Commento Europei 16
  82. Commento Europei 15
  83. Commento Europei 14
  84. Commento Europei 13
  85. Commento Europei 12
  86. Commento Europei 11
  87. Commento Europei 10
  88. Commento Europei 9
  89. Commento Europei 8
  90. Commento Europei 7
  91. Commento Europei 6
  92. Commento Europei 5
  93. Commento Europei 4
  94. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  95. Commento Europei 2
  96. Commento Europei 1
  97. L'attacco che fa la musica
  98. In diretta (?) da Capodistria
  99. Povera Italia
  100. La Cattiva Germania
  101. Non di solo doping vive l'uomo...
  102. Il mostro della sconvention
  103. Annuncio sconvenscion
  104. La morte di Dražen
  105. Smodiš, buon lavoro!
  106. La squadra in testa
  107. Giocare a basket
  108. L'accento sulla zona
  109. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  110. Senza (dis)soluzione
  111. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  112. In nome del basket
  113. Coach di mestiere
  114. Iguanodonte ostrogoto
  115. Ritorno al futuro
  116. Statisticamente significativo
  117. Istruttori e distruttori
  118. Estrazione a morte
  119. Bastardi di tutto il mondo
  120. Polonarač
  121. La teoria dell'Eurolega
  122. Aperitivo sotto canestro
  123. Tasse ed Europa
  124. ANNUNCIO
  125. Dio salvi la Gallina
  126. Un passo indietro
  127. Allenando con le stelle
  128. Blog Olimpico - 17
  129. Blog Olimpico - 16
  130. Blog Olimpico - 15
  131. Blog Olimpico - 14
  132. Blog Olimpico - 13
  133. Blog Olimpico - 12
  134. Blog Olimpico - 11
  135. Blog Olimpico - 10
  136. Blog Olimpico - 9
  137. Blog Olimpico - 8
  138. Blog Olimpico - 7
  139. Blog Olimpico - 6
  140. Blog Olimpico - 5
  141. Blog Olimpico - 4
  142. Blog Olimpico - 3
  143. Blog Olimpico - 2
  144. Blog Olimpico - 1
  145. Calma pre-olimpica
  146. Parole giovani
  147. Basket di 20 anni
  148. Cose umane
  149. Tecnica-mente parlando
  150. Lo fattore Q
  151. Mistero Buffo-n
  152. I campioni (dei) superlativi
  153. Pianto greco
  154. Cartoni Rossi
  155. Non dire quattro...
  156. Incontro toscano a Sansepolcro
  157. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  158. Un gioco da ragazze
  159. Ci play o non ci sei?
  160. Fak, the college basketball!
  161. Gli amanti del fallo
  162. Linsanity? Lin's sanity!
  163. I due talenti
  164. Talento contrario
  165. Spazi d'altri tempi
  166. Gemelli diversi
  167. Canestro sotto l'albero
  168. Lezioni dimenticate
  169. Prima che il Gallo canti...
  170. Questione di maneducazione
  171. Ci vuole un fisico bestiale?
  172. Pian e ben!
  173. Testa di calcio
  174. Fenomeni a casa loro
  175. Macerie e Maccabi
  176. Canestro in buca
  177. Vecchia pura Macedonia...
  178. Los pronosticos optimistas
  179. Una manovra correttiva per l'Italia
  180. Europei in giapponese
  181. Ancora sugli Europei
  182. Campionati eVropei
  183. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  184. Nuotatori emergenti
  185. Dalla Danimarca alla Georgia
  186. Mi pronuncio così!
  187. Giovani, donne e il tennis di una volta
  188. Se Atene piange...
  189. L'Italia slovena e il tedesco americano
  190. La responsabilità di crescere
  191. Prima e doping
  192. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  193. L'urlo di Obradović
  194. Coach e analisi di un fenomeno...
  195. Presentazione Libro
  196. Carte in regola
  197. Statistiche e bugie
  198. Rivedo un buon basket
  199. Le formule dell'imbecillità
  200. Contatto cattivo
  201. La minoranza è ovunque
  202. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  203. Morale a fondo
  204. Lezione di tango
  205. Per forza o per amore
  206. Comandi, sior paron!
  207. Il sorteggio delle regole
  208. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  209. Giovani e Vecchi(ato)
  210. Impatto zero
  211. Dober Dan
  212. Pensieri di Natale
  213. Operazione Eurolega
  214. Fate partire la musica!
  215. Un basket diverso?
  216. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  217. La storia di Fragolino
  218. Non vengo anch'io
  219. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  220. Telecronisti radioattivi
  221. Fondamenta superficiali
  222. Un gioco da ragazzi
  223. Giovani a parole
  224. Errori e non errori
  225. Pallacanestro all'italiana
  226. I magnifici sette
  227. L'infranto sogno americano
  228. Time out
  229. Presentazione del libro a Trieste
  230. In difesa dell'attacco
  231. All'attacco, finchè Durant
  232. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  233. Gioco di parole
  234. Giocatori con-vincenti
  235. Fisicamente impossibile
  236. Il paio di Siena
  237. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  238. S'ciavi
  239. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  240. Grazie di stomaco
  241. Schemi mentali
  242. Poco Gentile con Rubio
  243. Piano col Brasile...
  244. Rivoluzione francese
  245. Un grande futuro alle spalle
  246. 4 punti da segnare
  247. Presentazione del libro