Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Un salto alle Olimpiadi

Stampa
Creato Mercoledì, 05 Febbraio 2014 Scritto da Sergio Tavčar

Informazione di servizio. Grazie innanzitutto per gli auguri ("when I get older, losing my hair..." - e dire che il 2014 mi sembrava un futuro remoto quando mi ricopiai in bella calligrafia i testi di Sgt. Pepper dal retro della copertina del disco che un compagno di scuola mi aveva imprestato e che avevo riversato sul mio Gelosino a nastro – a proposito, c'è forse ancora qualcuno che possiede un registratorino a nastro a 4,75 di velocità?, in quanto nella massa di nastrini che ho ancora a casa c'è da qualche parte anche l'audio della mia primissima telecronaca che mio fratello registrò direttamente dalla TV), ma la ragione principale per la quale mi faccio vivo è per ragguagliarvi su come seguiremo le Olimpiadi in TV. Faremo una striscia di pomeriggio con puntate in prima serata sulle cose del pomeriggio russo (principalmente hockey che in Slovenia seguiranno ovviamente a tappeto partecipandovi anche per la prima volta Kopitar e soci) seguendo con differite le cose del mattino russo che per i nostri orari (verso le 8 del mattino per il fondo e ancora prima per le prime manche dello sci alpino) sarebbe inutile trasmettere in diretta. Io NON seguirò l'hockey che è già da moltissimi anni dominio di Robi Siljan, ma ciò non vuol dire che starò con le mani in mano, anzi. Intanto mio dominio sono le due cerimonie, apertura e chiusura, che ho commentato ininterrottamente (salvo le tre Olimpiadi invernali, '80, '88 e '06, che mi hanno visto inchiodato a letti di ospedale per operazioni complesse, tutte e tre le volte) da Sapporo '72. Seguirò poi il fondo e i salti con questi ultimi che sono (se la Maze dovesse continuare a avere la mente annebbiata) la disciplina nella quale la Slovenia può più giustificatamente sperare in qualche medaglia, soprattutto con il suo Wunderteam a squadre (tre vittorie su tre nelle ultime gare disputate). E infine, udite udite!, su mia precisa richiesta Robi mi ha concesso di fare le telecronache delle due finali di curling. Sono forse impazzito? Probabilmente sì. Però tutto sommato, ripensandoci, malgrado la mia veneranda età sono ancora giovane di spirito, in quanto vorrei ancora provare sensazioni nuove e aggiungere un altro sport alla lunghissima lista di quelli che ho commentato in carriera. E poi vorrei tanto divertirmi facendo una telecronaca di quelle che ho sempre sognato di fare, una specie di svolazzo ironico in punta di penna, prendendo in giro gli spingitori di scogli e i loro ramazzatori senza offendere nessuno, ma facendo capire, sotto una patina di forzata seriosità, che in effetti trattasi di boiata pazzesca. Sarà per me uno stimolo straordinario, in piena linea con il mio carattere. Spero proprio di riuscire bene. Se qualcuno vorrà seguirmi e poi mi dicesse cosa ne ha pensato mi farebbe un grande piacere.

Un'altra cosa per finire (come vedete non parlo di basket – se ne riparlerà a Olimpiadi finite). Visto che sarò a Capodistria praticamente tutto il giorno per due settimane penso che avrò il tempo di scrivere una specie di diario degli eventi olimpici, non a cadenza quotidiana, ma quando ci sarà qualcosa di interessante da dire e discutere. Tipo gli ultimi Europei di basket, ma senza stringenti impegni. Che ne pensate?