Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Fenomeni a casa loro

Subito una precisazione: la lunga discussione che Walter ha innescato sul rugby non solo non mi ha disturbato, ma mi ha fatto molto piacere. Un luogo come questo (non uso apposta la parola sito) è solo doveroso nelle mie intenzioni che ospiti interventi che servano a far progredire la cultura sportiva, come si dice, a 360 gradi. Dirò di più: non avrei niente in contrario anche se si parlasse al limite del tanto bistrattato calcio in termini tecnici, parlando di schemi, di chimica di squadra, di tecnica, di pressioni psicologiche, se cioè si andasse più a fondo al fenomeno del perchè proprio uno sport tutto sommato non fra i più intelligenti che ci siano (scusatemi, ma come sapete preferisco essere chiaro e dire pane al pane e vino al vino) sia lo sport di gran lunga più importante al mondo. Quello che voglio dire è che lo sport, tutto lo sport, riassume in sè tutta la società umana, nel bene e nel male e conoscere i fenomeni più ancestrali che muovono l'interesse della gente verso lo sport è uno dei misteri ancora meno sondati che ci siano. Io sono fermamente convinto che conoscendo bene lo sport e le motivazioni di coloro che lo praticano e che lo seguono si riescono praticamente sempre anche a cogliere in anticipo i mutamenti sociali che stanno avvenendo nella società potendo prevedere in largo anticipo cose che poi avranno estrema importanza in campo politico e sociale.  (Per continuare a leggere clicca sotto su "leggi tutto")

Macerie e Maccabi

Post volante perchè mi sono state fatte due domande specifiche che non voglio eludere.

Kobe Bryant in Italia: credevo di essere stato più o meno perfetto sintetizzando il mio pensiero in modo che ritenevo più che riuscito nelle prime quattro righe del terzo capoverso dell'ultimo post. Evidentemente sono stato troppo ermetico ed in questi tempi di esposizioni logorroiche nei quali si è ormai inesorabilmente perso il dono della sintesi evidentemente la massima parte di voi non c'è arrivata. Allora, per chi ha bisogno di ulteriori spiegazioni. Esempio, a mo' di metafora. Il calcio spagnolo sciopera (neanche tanta fantascienza, perchè lo ha fatto sul serio) e chiude. Il Lecce (o se per quello il Chievo, o l'Atalanta o il Siena) ipoteca lo stadio per ingaggiare per cinque partite Leo Messi per far parlare di sè ed avere ritorno mediatico facendo fuoco e fiamme per spostare le partite del calendario ed arrabbiandosi molto quando le altre squadre gli rispondono che se vuole comprare Messi sono cavoli suoi e che i calendari sono una cosa seria. Messi arriva, gioca cinque partite sotto i riflettori facendo spettacolo e portando, poniamo, 15 punti al Lecce (o, come detto, chi per lui), anche se non è assolutamente detto che ci riesca vista l'attitudine con la quale si presenta alle cinque partite cinque di spettacolo, dopodichè ringrazia, dice quanto è stato bello giocare a Lecce, mi ricorda tanto Barcellona, torna a casa ed il Lecce, dopo essersi svenato ed aver danzato sulla ribalta per un mese, ritorna quello di prima, anzi peggio, perchè tutto l'ambaradan mediatico nel frattempo evapora. Vi sembra una cosa seria? A me fa schifo. Onestamente tutto quanto ha un'aria che si avvicina tanto alla prostituzione nel nome di interessi che con lo sport nulla hanno a che fare che solo a pensarci mi viene il voltastomaco. A me sembra che il basket italiano, con queste mosse disperate, stia facendo esattamente quanto aveva fatto il Cosmos di calcio tanti anni fa, scatenare una tempesta mediatica pensando così di rilanciare l'interesse per il basket in Italia. Come finì il Cosmos lo sappiamo. Come pure sappiamo che il calcio in America ha messo comunque grosse radici ed ora è una cosa più che seria quando hanno cominciato a praticarlo nelle scuole elementari e medie, quando cioè la sua popolarità ha cominciato a svilupparsi dal basso coinvolgendo ragazzini e genitori, quando cioè ha cominciato a fare la trafila regolare per ogni sport che vuole dapprima emergere, poi radicarsi ed infine progredire.

Per cui, per essere di nuovo lapidario. Cosa lascerà Kobe Bryant quando ritornerà in America? Macerie.

Sul Maccabi in Lega Adriatica. La ABA (Adriatic Basketball Association) è una Lega privata, per cui le iscrizioni sono più o meno aperte, salvo alcune regole che comunque variano di anno in anno, ma che comunque contemplano sempre la possibilità di distribuire almeno una wild card. Il Maccabi in Lega Adriatica ci ha già giocato e, se pensa di ripetere l'esperienza, vuol dire che la prima volta ha avuto riscontri positivi. È solo ovvio che la sua presenza porterà solo benefici alle altre squadre partecipanti, soprattutto a quelle di seconda e terza fascia per le quali la Lega Adriatica è il massimo cui possono ambire, penso per esempio alle due slovene Helios e Laško, penso al Široki Brijeg o al Radnički, anche se la Lega stessa sconta quello che sarà sempre il suo peccato originale, quello cioè di essere una Lega di cerniera fra i totalmente poco competitivi campionati nazionali e dall'altra parte l'Eurolega o l'Eurocup. Nel senso che le squadre che giocano soprattutto in Eurolega prendono la Lega Adriatica quale competizione di riscaldamento, non certamente come la competizione di riferimento della stagione. Penso che sia esattamente la stessa attitudine che hanno le massime squadre italiane di calcio nei confronti della Coppa Italia.

Canestro in buca

Leggendo i vostri commenti sono rimasto folgorato dall'esaustiva disamina del mio concittadino sulle varie possibilità che offre la moderna tecnologia satellitare a saperla sfruttare. Ed onestamente trovare un'improbabile TV del Mali che trasmette i campionati africani di basket femminile mi sembra l'apoteosi del colmo dei colmi dell'esagitato per il basket. Mi chiedo spesso se da giovane fossi anch'io così. Probabilmente sì, solo che per fortuna allora di canali ce n'erano ben pochi per cui sono riuscito a crescere abbastanza normale e soprattutto assolutamente non TV dipendente, cosa abbastanza curiosa per uno che di TV ci vive (forse per quello, un po' come i panettieri che mai mangerebbero i dolci da loro stessi cotti, sapendo benissimo come sono stati fatti).

Il lungo silenzio di cui mi scuso è stato dovuto all'elementare fatto che, una volta esaurita l'adrenalina degli Europei, non avevo l'ispirazione e non avrei saputo bene di cosa scrivere essendo la situazione che si legge ogni giorno sui giornali sempre più svaccata in tutti i campi che riguardano lo sport da noi tanto amato, per cui avrei ripetuto come un disco rotto che così non va...che bisogna cambiare tutto...insomma, vi avrei fatto un mazzo così con cose note e risapute e che ho detto già milioni di volte. E se oggi scrivo qualcosa è solo per rassicurare tutti che sono ancora qui e che sicuramente, se ci sarà qualcosa di interessante da dire, lo farò con sollecitudine senza far passare tanto tempo.

Di sfuggita dunque qualche breve commento ed aggiunta a quanto avete gia'detto voi. Se posso dire la mia sui vari commentatori che quest'anno subentreranno ai colleghi di Sky nel raccontare il campionato a (forse) 17 squadre con (forse) un turno di riposo per ciascuna sempre se quella che tanto ha fatto per fare la dispari riuscirà alla fine a trovare un campo su cui giocare con (forse) giocatori dell'NBA in trasferta breve e ben remunerata che daranno il classico belletto da funerale al cadavere, allora vi faccio subito una domanda: Francica Nava è quello dalla voce alla Tom Waits o dell'ultimo Bob Dylan che una volta su Montecarlo faceva l'NBA assieme a Bob Morse il cui commento tecnico invariabile era : "che belou, che belou!"? Ditemi di no, per favore, ci sono già abbastanza cronache da incubo oggigiorno. Sul Poz invece, dopo averlo ascoltato su Sportitalia, mi sembra strano che abbiate dei dubbi, perché a me (va be', sono amico suo) sembra uno che capisce di basket e, se solo riuscisse a sfrondarsi da tutte le idiote iperboli e agghiaccianti metafore che deve aver tirato su durante il passaggio a Sky, sarebbe bravissimo perché ha la rarissima dote di commentare un'azione trovando il punto chiave dell'azione stessa senza magari attribuire le sorti della riuscita o meno della giocata a fattori secondari che con il succo dell'azione hanno ben poco da spartire. Detto di sfuggita ed anche per rispondere finalmente ad una vostra curiosità avrei molto volentieri al mio fianco per il commento tecnico Davide Pessina che la suddetta dote la possiede in modo perfetto. Ed infatti quando faceva coppia con Geri De Rosa che della pattuglia Sky è di gran lunga il meno urlatore e, per quanto secondo la prassi dell'emittente parli almeno per il 50% di troppo rispetto a quello che sarebbe normale per un telecronista affinché non sfrucugli i marroni allo spettatore, è anche uno che di basket si intende veramente, erano nettamente la coppia che preferivo ascoltare. Se fossi io a comandare gli proibirei tassativamente di parlare di "tiro in ritmo" e di "ottime spaziature" costringendolo ad esprimere gli stessi concetti in italiano e poi sarebbe perfetto. E ancora di sfuggita mi ha molto impressionato il commento di un frequentatore che riferisce delle telecronache in tedesco, nelle quali i telecronisti parlano poco e solo quando serve, perché è proprio quello che avevo tentato di spiegare in un post di tanto tempo fa su come secondo me si dovrebbero fare le telecronache che, appunto essendo tele- e non radiocronache, ed avendo il supporto delle immagini che da sole catturano la maggior parte dell'attenzione dello spettatore (una partita in TV in lingua straniera si segue senza grossi problemi, una radiocronaca no, perché essendo la voce l'unica cosa che arriva non si capisce nulla), presuppongono un approccio totalmente diverso, diciamolo chiaramente, molto meno egocentrico da parte del cronista che è appunto il cronista e non il protagonista della trasmissione. Il telecronista invadente è un po' come l'arbitro che si erge a protagonista della partita facendo il ducetto e fischiando tecnici a valanga sui poveri giocatori ed allenatori che vorrebbero solo a volte sacramentare in pace per sfogarsi. Detto in breve rompe, e non poco. (Per continuare a leggere clicca sotto su "leggi tutto")

Vecchia pura Macedonia...

Innanzitutto una breve annotazione: la mia patente di imbecilli dell'anno (cosa dico: del secolo, del nuovo millennio...) va ai reggitori delle cose del basket e della pallavolo che sono stati tanto astuti da prevedere la finale degli Europei dei due massimi sport di squadra di palestra del mondo per lo stesso giorno. Ma quando hanno fatto i calendari non potevano scambiarsi almeno un SMS?

Sulla pallavolo sbizzarritevi voi, qualsiasi cosa direi io sarebbe stupido, in quanto è da tempo che non seguo più questo sport e dunque qualsiasi cosa dicessi sarebbe completamente fuori posto. L'unica cosa che posso dire è che voi ve la prendete tanto con i naturalizzati, poi scopro che per l'Italia giocano un Zajcev, un Travica, un Lasko...

Passando al basket che vincesse la Spagna era tanto ovvio che ce l'ho presa anch'io, a mani basse. Era troppo facile, essendo loro tanto più forti. Hanno tutto, statura, gioco, tiro, varietà di soluzioni, possono giocare a corri e tira (Rudy, Calderon e Navarro), possono giocare a ritmi bassi (i Gasols con chiunque altro), difendono quanto basta, ma soprattutto sanno giocare a basket, nell'accezione mia, cioè di quello che pensa che saper giocare a basket significhi in ogni momento sapere cosa fare in campo. Ho detto più volte che la concezione loro del basket non è la mia preferita, essendo io di scuola ed educazione jugoslava, ma che è comunque una filosofia di gioco più che rispettabile, più che legittima, e dunque in definitiva bisogna solo levarsi tanto di cappello.

E dire che la Francia è stata una sorpresa enorme, perché finalmente hanno giocato a basket, hanno sempre dato l'impressione di sapere cosa fare, hanno abbandonato il loro stucchevole salto in alto con palla per dedicarsi a tempo pieno al basket. Certo, il loro coach rimane per me un enigma imperscrutabile, perché continuo ad essere convinto che si tratti di uno studiato non proprio un'aquila di suo, ma che stavolta abbia avuto il merito di adeguarsi alla squadra senza voler fare catastroficamente il contrario. Le ragioni sono per me due: la prima è che finalmente Tony Parker abbia deciso, da persona intelligente che non ha più niente da dimostrare, di voler far vincere la squadra e non di mettersi in mostra lui, si è calato in poche parole nelle vesti del leader vero a cui sta a cuore principalmente che la squadra vinca. Personalmente non l'avevo mai visto giocare tanto bene: se penso al presuntuoso faso-tuto-mi che affossò la Francia quattro anni fa in Spagna stavolta è sembrato un altro giocatore, come se avesse fatto un trapianto di testa. La seconda è l'innesto in squadra di Noah, giocatore solido, modesto, senza fronzoli, che sa benissimo cosa sa fare e cosa non sa fare, caratteristiche queste tanto più sorprendenti sapendo di chi è figlio, nel senso che di uno nato nella bambagia uno si immagina possa essere solo uno montato.

La Russia è fondamentalmente formata da due persone: David Blatt ed Andrej Kirilenko. Blatt è un coach che è riuscito a dare un'organizzazione ed un'anima ad una combriccola di giocatori dal pedigree cestistico semplicemente selvaggio, di broncos al galoppo. Kirilenko è stato invece secondo me semplicemente commovente: ha dato l'anima, si è tuffato su ogni pallone, ha dato sostanza ad ogni azione, ha lottato ferocemente su ogni rimbalzo procurandosi tiri liberi a caterva da solo, ha segnato sempre quando serviva. Secondo me è stato ancora più bravo rispetto a quattro anni fa, perché stavolta non era in forma straordinaria, ma se ne è reso conto e dunque ha trovato il modo di essere non solo utile, ma assolutamente decisivo. Sono fermamente convinto che, lasciati da soli, i vari Hrjapa (giocatore fra i più sopravvalutati che abbia mai visto), Monja (nomen est omen), Bikov, Ponkrašov, per non parlare di Mozgov, avrebbero avuto problemi già per passare il primo turno. L'unico che abbia la scintilla del giocatore vero di basket è ovviamente Aleksej Šved, ma che sia anche pazzo come un cavallo mi sembra indiscutibile. (Per continuare a leggere clicca sotto su "leggi tutto")

Los pronosticos optimistas

Oggi giorno di riposo e dunque tanti sassolini (ciottoli? Scogli?) da togliere dalle scarpe. Intanto sono in lutto per la sconfitta di ieri della Macedonia (scusi l'amico greco, ma per me sempre Macedonia tout court è e sempre sarà) contro la Russia. Si è consumato un delitto di perfetto leso basket, perché la squadra che ha giocato meglio ha perso, e la cosa mi scoccia per principio. Si è fra l'altro confermata una mia vecchia teoria per cui la fortuna e la sfiga sono due dee perfettamente gemelle, ambedue dotate di vista d'aquila. Culo, come chiamarlo altrimenti (scusate), personificato nella persona di Monja (che fra l'altro, letto bragagnescamente alla russa sarebbe praticamente Manià...vedi mai che il nostro Tommaso...) che dopo aver segnato dai sette metri contro la Slovenia si è ripetuto in modo ancora più beffardo imbucando di tabella ampiamente non dichiarata per mantenere i fortissimi (??) russi imbattuti. Ed appunto il primo sassolino riguarda la mia avversione per la tipicamente italiana (dalla maggior parte di voi così ben esplicata...eppure siete persone palesemente intelligenti che ragionano: deve essere una questione genetica) abitudine di essere inguaribili "result merchants", gente che giudica cioè esclusivamente dall'esito numerico di una sfida, gente per cui la vittoria è esattamente tutto, nel senso che dal risultato in sé nascono poi le considerazioni tecniche, cosa questa clamorosa soprattutto nel calcio. Che infatti penso proprio per questo sia lo sport feticcio di tutte le genti italiche. Come altrimenti spiegarsi il commento di uno di voi secondo cui la Slovenia è una squadraccia, ha fatto schifo (su questo sono d'accordo, sul fatto che sia una squadraccia invece dissento clamorosamente), mentre invece la Russia potrebbe addirittura giocarsi la finale. Quando contro la stessa Slovenia, in una partita giocata al massimo, è stata sotto per 39 minuti, 59 secondi e otto decimi di partita. Qualcosa qui non va. O i russi sono meno forti o sono più forti gli sloveni. Io continuo ad essere convinto che si tratti di due squadre perfettamente equivalenti. Che poi i risultati divergano dipende dalla forma momentanea, dall'andamento della partita, da come va tutto il torneo eccetera, non ultimo proprio dalla fortuna. (Per continuare a leggere clicca sotto su "leggi tutto") 

Una manovra correttiva per l'Italia

Approfitto del fatto che qui sul lavoro Raisport, che riceviamo via satellite, è criptata, per cui non posso seguire Spagna-Germania, per scrivere questo intervento che se non altro disingolferà un tantino la messe di commenti che in questo periodo di sommo fervore cestistico intasano ogni mio post (e la cosa, devo dire, mi rende felice ed orgoglioso).

Un paio di precisazioni e puntualizzazioni nonché commenti in libertà prima di affrontare il nodo chiave, la situazione attuale del basket italiano, per come la vedo io.

Intanto su Slovenia Russia: non sono per niente d'accordo con chi scrive che non si è trattato di una bella partita. Oddio, bella forse proprio no, non certamente come Serbia-Francia che ho commentato con grandissimo piacere, ma dura e molto ben giocata da due squadre molto forti che hanno ambedue fatto quello che l'avversario le concedeva secondo lo spirito guerriero del basket moderno, quello certamente sì. La Slovenia è stata beffata da un canestro dai sei metri e mezzo di Monia all'ultimo secondo, unico canestro su azione in partita del russo, dopo esser stata sempre avanti, ma onestamente parlare di beffa è un po' eccessivo. Si è trattato di un match fra due squadre assolutamente equivalenti con i russi che hanno palesato, grazie al lavoro straordinario di coach Blatt, una determinazione e soprattutto concentrazione difensiva delle quali non li ritenevo capaci. Con la Slovenia che ha tenuto Kirilenko molto bene hanno avuto più spazio gli altri, segnatamente Voroncevič, ma tatticamente si è avuta sempre l'impressione che le due difese sapessero sempre esattamente cosa fare. Comunque gli 8 punti di Kirilenko sono stati: la tripla che ha aperto il loro conto sul 0 a 7 iniziale ed una tripla più canestro in entrata in rapida successione quando la Slovenia, a metà del terzo quarto, era avanti di 10. Decidete voi se si tratta di punti importanti. Alla fine gli sloveni hanno pagato il maggior potenziale fisico dei russi e sono arrivati al finale un po' con la bava alla bocca, ed il fatto che la Russia non avesse mai messo il naso avanti è solo frutto del caso, leggi errori anche sfortunati sulle possibili azioni del sorpasso. Gli errori gravi sono stati i due tiri liberi sbagliati da Slokar sul più uno (con rimbalzo offensivo di Lorbek sul secondo, peraltro), ma soprattutto l'errore di Lakovič che si è palleggiato sui piedi dopo aver letto perfettamente la situazione andando in penetrazione una volta battuta la prima linea difensiva, e sempre dello stesso Lakovič che in una situazione di tiro aperto da tre ha sbagliato uno di quei tiri che normalmente mette ad occhi chiusi. Se però giocano così, sloveni e russi, non si vede proprio come possano perdere una delle successive tre partite (giocando così... con gli sloveni non è detto). (Per continuare a leggere clicca sotto su "leggi tutto").

Europei in giapponese

"Sumeramikoto": bella questa. Mi hanno chiamato in tutti i modi, anche quelli più scurrili ed irriferibili, ma un soprannome giapponese non l'ho mai avuto. Caro Walter l'hai fatta grossa perchè d'ora in poi penso che vorrò farmi sempre chiamare così. Mi piace troppo, somiglia troppo ai famosi "Kagapokokifapokomoto" od al motociclista "Kotsukomintako" (questa la possono decifrare solo i veneti) delle barzellette

Seriamente, ora. Per puntualizzare in breve e tentare di spiegarmi meglio per l'ennesima volta. C'è tantissima gente al mondo che si appassiona al cricket. Io no. C'è tantissima gente (troppa, secondo me) che si appassiona all'NBA. Io no. Tutto qua. L'NBA non è il basket che io ho conosciuto, è un altro sport che avrà le sue per me misteriose attrattive, ma che a me non interessa. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole, qui nessuno fa proselitismi di alcun genere. Per questo, come lo stesso Walter ha detto, in questo sito si raggruppa una serie di persone che ha idee pressoché analoghe e che tenta di ragionare secondo i propri schemi. Nessuno di noi, penso, si è accanito su altri siti per propagandare le nostre idee (come appunto fanno i talibani di ogni religione che pensano di avere una missione e che sentono l'impellente necessità di riportare il resto dell'umanità sulla retta via). Voi avete le vostre idee e ve le tenete, noi le nostre e ce le teniamo ben strette. Detto questo mi sembra puerile dire che comunque anche agli Europei quelli dell'NBA hanno un impatto maggiore. E te credo! Laggiù ci vanno comunque i più forti, per cui anche se disimparano o non imparano più sempre forti rimangono. Carraretto nell'NBA non ci andrà mai, per cui è solo ovvio che un Gallinari od un Bargnani renderanno comunque e sempre di più. Il problema secondo me, come ho detto o su questo sito od in qualche mail privata, è che gli americani sono in decadenza vertiginosa, ma che non se ne avvedono, dapprima per la loro immensa presunzione, ma soprattutto perché comunque, quando radunano i più forti, vincono ancora. E aggiungo, vinceranno sempre, a meno di sviluppi ancora più angosciosi che non si possono per ora prevedere, avendo per me già toccato un possibile fondo. Vinceranno perché hanno doti fisiche inimmaginabili e mai copiabili dal resto del mondo. Per un Lemaitre al secolo loro ne producono una trentina all'anno. La cosa straziante e che per me è un pugno nell'occhio o nello stomaco (scegliete voi) è che con quel potenziale devastante battano la Spagna alle Olimpiadi negli ultimi tre minuti, invece di vincere dai 30 in su come faceva il vero Dream Team, quello sì composto da veri giocatori di basket. (Per continuare a leggere clicca sotto su leggi tutto)

Altri articoli...

  1. Ancora sugli Europei
  2. Campionati eVropei
  3. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  4. Nuotatori emergenti
  5. Dalla Danimarca alla Georgia
  6. Mi pronuncio così!
  7. Giovani, donne e il tennis di una volta
  8. Se Atene piange...
  9. L'Italia slovena e il tedesco americano
  10. La responsabilità di crescere
  11. Prima e doping
  12. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  13. L'urlo di Obradović
  14. Coach e analisi di un fenomeno...
  15. Presentazione Libro
  16. Carte in regola
  17. Statistiche e bugie
  18. Rivedo un buon basket
  19. Le formule dell'imbecillità
  20. Contatto cattivo
  21. La minoranza è ovunque
  22. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  23. Morale a fondo
  24. Lezione di tango
  25. Per forza o per amore
  26. Comandi, sior paron!
  27. Il sorteggio delle regole
  28. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  29. Giovani e Vecchi(ato)
  30. Impatto zero
  31. Dober Dan
  32. Pensieri di Natale
  33. Operazione Eurolega
  34. Fate partire la musica!
  35. Un basket diverso?
  36. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  37. La storia di Fragolino
  38. Non vengo anch'io
  39. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  40. Telecronisti radioattivi
  41. Fondamenta superficiali
  42. Un gioco da ragazzi
  43. Giovani a parole
  44. Errori e non errori
  45. Pallacanestro all'italiana
  46. I magnifici sette
  47. L'infranto sogno americano
  48. Time out
  49. Presentazione del libro a Trieste
  50. In difesa dell'attacco
  51. All'attacco, finchè Durant
  52. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  53. Gioco di parole
  54. Giocatori con-vincenti
  55. Fisicamente impossibile
  56. Il paio di Siena
  57. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  58. S'ciavi
  59. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  60. Grazie di stomaco
  61. Schemi mentali
  62. Poco Gentile con Rubio
  63. Piano col Brasile...
  64. Rivoluzione francese
  65. Un grande futuro alle spalle
  66. 4 punti da segnare
  67. Presentazione del libro